Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Centri commerciali di Mafia

Gli interessi di Messina Denaro, Provenzano e i Lo Piccolo sui centri Despar

14 giugno 2008

Estorsioni, percentuali dalle aziende edili sui lavori pubblici, traffico e giro delle sostanze stupefacenti, ma soprattutto l'interesse per i grandi centri commerciali in Sicilia. Erano proprio questi, i centri commerciali Despar dell'isola, al centro degli interessi affaristici dei boss Bernardo Provenzano, Salvatore e Sandro Lo Piccolo e del latitante Matteo Messina Denaro. Interessi che sono emersi dalle dichiarazioni di Francesco Franzese, ex uomo di fiducia dei boss Lo Piccolo, oggi collaboratore di giustizia.
Le dichiarazioni del pentito sono state depositate nel processo all'imprenditore Sebastiano Scuto, indicato come il "re dei supermercati", processo che si svolge davanti ai giudici della Corte d'appello di Catania.

Franzese, meglio conosciuto come "Franco di Partanna", fedelissimo in particolare di Sandro Lo Piccolo, ha raccontato i contatti fra i mafiosi palermitani e quelli catanesi. "Il Centro Olimpo (che si trova a Palermo, ndr) è un grande centro commerciale che io conosco bene perchè sorge nella mia zona, e cioè a Partanna. Al riguardo devo dire che detto centro non figurava 'nelle entrate della zona' in mio possesso, l'altra copia era in possesso dei Lo Piccolo, i quali avevano la carta delle entrate che arrivavano a loro direttamente". Franzese ha, quindi, spiegato per quale motivo il centro commerciale Olimpo non pagava il pizzo. "Decisi di far fare la telefonata per fare 'mettere a posto' l'impresa - ha raccontato Franzese ai giudici catanesi - ma l'interlocutore che noi avevamo individuato in Vincenzo Milazzo e Alfonso Milazzo, padre e figlio, come i veri responsabili del Centro commerciale, si mostrarono molto sicuri, ma niente affatto disposti a pagare [...] Pochi giorni dopo venni chiamato da Sandro Lo Piccolo, il quale mi disse che per il Centro Olimpo non dovevo fare nulla in quanto la cosa la gestiva lui con i catanesi e questi ultimi si erano lamentati per il fatto che era stata fatta la telefonata ed i Milazzo temevano di essere stati intercettati".

Franzese ha raccontato poi nei dettagli quelli che erano gli interessi dei boss Lo Piccolo e Provenzano nei confronti della catena di supermercati: "I Lo Piccolo mi dissero che i centri Despar non dovevano essere toccati in quanto interessavano alla famiglia, mentre cosa diversa era per i singoli negozi affiliati che molte volte erano solo piccole attività con insegne Despar". "I Despar - ha aggiunto - interessavano direttamente anche a Matteo Messina Denaro". Quest'ultimo particolare emerge anche dall'inchiesta che nei mesi scorsi ha portato all'arresto dell'imprenditore Salvatore Grigoli che gestisce gran parte dei Centri Despar in Sicilia ed è accusato di essere un prestanome di Messina Denaro (leggi "Inchiodati come Al Capone" - Guidasicilia, 10/05/08).

"I Lo Piccolo
- ha spiegato infine Franzese - si rivolgevano ai catanesi perchè facessero avere lavoro a nostri affiliati tramite i Milazzo nei centri commerciali Despar di Palermo. Mi risulta che anche Provenzano aveva interessi diretti nella gestione dei grandi supermercati Despar, e cioè che i centri commerciali a insegna Despar non si dovevano toccare, mentre gli affiliati, in genere piccoli negozi, potevano essere oggetto di estorsioni".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

14 giugno 2008
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE