Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine
 Cookie

CINQUE MILIARDI DI EURO!

La Dia vuole il blocco dell'immenso patrimonio di "Mr Valtur": "È un prestanome di Matteo Messina Denaro"

17 marzo 2012

Cinque miliardi di euro. A tanto ammonta il patrimonio che il direttore della Direzione investigativa antimafia, Alfonso D'Alfonso, chiede di sequestrare a Carmelo Patti, 78 anni, imprenditore di Castelvetrano che dal 1998 è il patron di Valtur, la più famosa azienda italiana del turismo.
Le indagini della Dia di Palermo muovono un'accusa pesantissima nei suoi confronti: essere referente e prestanome del superlatitante Matteo Messina Denaro, di Castelvetrano pure lui. La prima udienza del processo è fissata per il 20 aprile, davanti alla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Trapani.
Ci sono tre collaboratori di giustizia a chiamare in causa il "Mr Valtur" per presunti rapporti con esponenti mafiosi del Trapanese: Nino Giuffrè, l'ex braccio destro di Bernardo Provenzano; Angelo Siino, che negli anni Ottanta era il "ministro dei Lavori pubblici di Cosa nostra"; e Giovanni Ingrasciotta, conoscitore di molti segreti del clan di Messina Denaro. Siino sarebbe stato addirittura testimone di un incontro fra il cavaliere Patti e Francesco Messina Denaro, il padre di Matteo.

Negli ultimi mesi gli investigatori della Dia di Palermo hanno passato al setaccio il patrimonio dell'imprenditore siciliano:  secondo la ricostruzione dell'accusa, sarebbe emersa "una inquietante sperequazione fra redditi e investimenti". La Dia aveva sollecitato il sequestro immediato dei beni di Patti, ma il Tribunale non ha accolto la richiesta, ritenendo necessario fissare l'inizio di un procedimento in camera di consiglio.
Per Patti ci sono guai giudiziari anche a Palermo: l'imprenditore risulta indagato dai pm Paolo Guido e Marzia Sabella per favoreggiamento aggravato nei confronti di Messina Denaro. All'indomani del blitz "Golem 2", nel 2010, subì anche una perquisizione. C'era un elemento, più di tutti, che incuriosiva i magistrati: uno dei collaboratori più stretti di Patti era il fratello della compagna di Messina Denaro, Michele Alagna.
L'immenso patrimonio che la Dia chiede adesso di sequestrare è costituito dalla maggioranza di alcune società che gestiscono una ventina di villaggi turistici della Valtur, ma anche da abitazioni, terreni nella provincia di Trapani e a Robbio, in provincia di Pavia, dove Patti risiede ormai da anni.

Da qualche mese la Valtur è in amministrazione straordinaria: è stata la famiglia Patti a chiederlo al ministro dello Sviluppo economico per far fronte a un pesante indebitamento di 303,6 milioni l'anno, a fronte di un fatturato di circa 200 milioni. Così al timone dell'azienda sono arrivati tre commissari straordinari. Dopo la pubblicazione sulla stampa della notizia relativa alla richiesta della Dia, i commissari che la gestiscono hanno voluto precisare con una nota che "l'amministrazione straordinaria di Valtur procede regolarmente nel suo iter che prevede a breve il deposito del programma ed il bando di gara". "In merito alla richiesta da parte della Dia del sequestro dei beni di Patti, l'imprenditore a cui faceva capo Valtur - si legge ancora nella nota - i commissari straordinari di Valtur in AS precisano di aver soltanto ricevuto la notifica del decreto del Tribunale di Trapani che ha fissato l'udienza del 20 aprile per trattare la richiesta del PM di misure di prevenzione nei confronti dei beni patrimoniali di Patti".

[Informazioni tratte dall'articolo di Salvo Palazzolo pubblicato su la Repubblica/Palermo.it e da Sicilia Travelnostop]

"MISTER VALTUR? I SOLDI SONO DEL PADRINO"
di Sergio Rizzo (Corriere.it, 15 marzo 2012)

Il pericolo sembrava ormai sventato. I tentativi di far digerire ai contribuenti la Valtur erano miseramente falliti. Ma nessuno si aspettava il colpo di scena che potrebbe creare una situazione paradossale, costringendo lo Stato a farsi carico suo malgrado di quel marchio storico e prestigioso dell'industria turistica italiana che gestisce una ventina di villaggi.
La Direzione investigativa antimafia di Palermo ha chiesto il sequestro di tutti i beni di Carmelo Patti, imprenditore originario di Castelvetrano, in Provincia di Trapani. E fra questi c'è appunto la Valtur. Ha raccontato Salvo Palazzolo sull'edizione palermitana di Repubblica che l'accusa mossa nei suoi confronti è pesantissima: quella di essere nientemeno che il referente e prestanome di Matteo Messina Denaro, ritenuto dagli inquirenti uno dei capi di Cosa Nostra. Anche lui di Castelvetrano.
Gli investigatori aggiungono di aver riscontrato «una inquietante sperequazione fra redditi e investimenti», tanto da formulare al tribunale la richiesta di un sequestro spettacolare: 5 miliardi di euro. Somma sconcertante, che certamente mal si concilia con le difficoltà delle imprese della famiglia Patti. Per esempio la Cablelettra, uno dei principali fornitori della Fiat. Messa nel 2009 in amministrazione straordinaria, è stata rilevata la scorsa estate dalla giapponese Yazaki.
Ma soprattutto la Valtur, acquistata da Patti nel 1998 per la cifra astronomica di 300 miliardi di lire. Dodici anni dopo quella spesa folle lo stato delle cose è drammatico. La situazione patrimoniale al 31 ottobre del 2010, che farà fede per il commissariamento, presenta 358 milioni di debiti a fronte di 187 di fatturato. Come ci si è arrivati, è presto detto. Acquisizioni a prezzi fuori mercato fatte in Sicilia, errori strategici (a un certo punto viene comprata una nave da crociera) ma anche, evidentemente, lacune nella gestione.

Per venirne fuori Carmelo Patti le tenta tutte. L'obiettivo è far tornare la Valtur nell'orbita pubblica. Nel Palazzo ha ottime amicizie. Intanto il Cavaliere e il sottosegretario Gianni Letta. Ma anche il ministro dell'Industria Claudio Scajola e il fido consigliere Ignazio Abrignani, tanto fido da essere nominato deputato nel 2008. E poi i numerosi esponenti politici siciliani, il Guardasigilli Angelino Alfano, l'ex sottosegretario all'Interno Antonio D'Alì...
I rapporti fra la famiglia Patti e il governo Berlusconi sono così solidi che quando c'è da nominare il presidente di Buonitalia, società del settore turistico che distribuisce sussidi alle imprese e fa capo al ministero dello Sviluppo, ecco pronta la poltrona per Maria Concetta Patti, amministratore delegato della Valtur e figlia di Carmelo. In questo contesto dovrebbe essere un gioco da ragazzi far rilevare a Invitalia l'azienda che ormai annaspa.
Le pressioni sull'amministratore delegato Domenico Arcuri sono tremende. E non scherzano nemmeno quelle su Fintecna. Ma sia Arcuri che l'amministratore delegato della holding del Tesoro, Massimo Varazzani, resistono. Non resta allora che la strada del commissariamento.
Di commissari, il 18 ottobre 2011 ne vengono nominati addirittura tre. I loro nomi: Daniele Discepolo (stimatissimo dal successore di Scajola, Paolo Romani, che lo nomina addirittura per decreto suo consigliere per le amministrazioni straordinarie), Stefano Coen (professionista tenuto in ottima considerazione da Gianni Letta) e Andrea Gemma. Parente, quest'ultimo, di quel Sergio Gemma che fino al 2002 era stato presidente del collegio sindacale della Valtur.
E c'è chi continua a sospettare che il commissariamento non sia altro che una mossa tattica, non sgradita agli stessi azionisti. Antonino Le Presti, deputato siciliano eletto con il Pdl e poi passato al Fli presenta il primo febbraio scorso una interrogazione ustionante. Chiede chiarimenti sulla nomina dei commissari, vuole chiarimenti sulle loro competenza, pretende l'elenco dei consulenti con relativi onorari.

Un clima dunque pesantissimo, come sta a dimostrare un altro episodio. Nelle settimane scorse circolavano nelle redazioni dei giornali delle carte tese a dimostrare come Arcuri, l'uomo che si è rifiutato di salvare l'azienda di Patti con soldi pubblici, durante il Natale di un paio d'anni fa avrebbe soggiornato gratis con la famiglia nel villaggio Valtur di Mauritius. Una circostanza smentita però dai documenti bancari, secondo i quali l'amministratore delegato di Invitalia avrebbe pagato la vacanza due volte: la prima alla partenza, con un bonifico; la seconda, con un successivo bonifico, dopo aver scoperto che la Valtur gli aveva fatto riaccreditare il costo del soggiorno sul suo conto corrente.

- Valtur, vacanze con il boss di Lirio Abbate (L'Espresso 06 settembre 2011)

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

17 marzo 2012
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia