Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

CLANDESTINI

Tra civiltà e intolleranza, tra pietà e crudeltà. Tra l'Africa e la Sicilia il mare si muove con onde di disperazione

24 giugno 2005

In Italia sono fondamentalmente due le scuole di pensiero rivolte al fenomeno dell'immigrazione: una sostiene il sostanziale fallimento della politica di maggioranza nei confronti di un fenomeno sempre crescente, l'altra parla ugualmente di politica fallimentare, ma per via di un'applicazione troppo stemperata e leggera, come dire le leggi che abbiamo vanno bene ma bisogna applicarle con la massima durezza e determinazione.  
Sono gli esponenti della Lega a richiedere il pugno duro contro gli immigrati. Richieste urlate con estrema volgarità e violenza, sulla scia dell' ''affondiamoli tutti a colpi di cannone, perché essi sono la feccia dell'umanità''.
Il ministro dell'Interno Giuseppe Pisanu però non ci sta, e all'interrogazione della Lega sulla questione immigrazione ha risposto con pochi e chiari concetti: ''L'equivalenza tra immigrazione clandestina e criminalità non ha fondamento e non può avere ascolto in un Paese civile come il nostro''.

Ma la Lega non ha orecchie per ascoltare parole che invocano la civiltà, e il ministro Roberto Calderoli replicando a Pisanu ha detto: ''Il ministro Pisanu sostiene a parole che 'l'equazione tra immigrazione clandestina e criminalità non ha fondamento e non può trovare ascolto in una paese civile'. Ma i numeri e la matematica, che sono una scienza più esatta, dimostrano il contrario''. ''Secondo quanto affermato in altra sede, lo scorso 9 giugno, da parte dello stesso Pisanu - ha sottolinea il leghista Calderoli - nel 2004 in Italia sono state arrestate 237.229 persone irregolari o apolidi, che rappresentano una media del 38,81% degli arrestati nel nostro Paese; inoltre il 30,84% dell'attuale popolazione carceraria, sempre secondo quanto riferito da Pisanu, è composto da extracomunitari quasi tutti irregolari''. ''Considerando i numeri degli immigrati irregolari stimati dal rapporto della Caritas, che vanno dai 200mila dell'Ismu fino ai 600mila dei sindacati - tira le somme Calderoli - e considerando il numero degli irregolari arrestati nel 2004, ovvero più di 237mila, l'equivalenza viene da sola. E quindi, se la matematica non è un'opinione, l'equivalenza è dimostrata anche solo da un punto di vista statistico e forse, in un 'paese civile come il nostro', sarebbe da aspettarsi che non accadano più episodi criminali come quelli dei giorni scorsi (il riferimento è agli stupri avvenuti in Lombardia ed Emilia Romagna, ndr) e che la percentuale degli stranieri rintracciati in posizione irregolare e non ancora rimpatriati sfiori orientativamente il 40%''.

''Non serve nessuna 'sterzata' - ha conclude il ministro leghista - si deve solo dare una bella pigiata di acceleratore ed espellere subito tutti gli immigrati che si trovano in una situazione di irregolarità, noti o meno al ministro Pisanu''.

Ecco come risolvere il problema, espellendo subito tutti gli immigrati, perché la matematica non è un opinione come la civiltà.

E mentre l'avvicendarsi dei discorsi politici assumono sempre più toni di apologetica xenofobia e di poco convita difesa della civiltà, gli sbarchi sulle coste siciliane continuano portando a riva tutta la sofferenza e il disagio di paesi messi in ginocchio da mali che non hanno tempo: la guerra e la fame.
Quasi 400 gli extracomunitari arrivati ieri. In mattinata sono stati soccorsi 27 immigrati, nel pomeriggio un'altra imbarcazione con 219 persone è stata avvistata nel Canale di Sicilia a 40 miglia da Lampedusa. Un primo gruppo di 21 donne, alcune in stato di gravidanza, e otto bambini è stato subito trasbordato su un'unità navale veloce che ha raggiunto Lampedusa.
Un terzo sbarco, intorno alle 18, è avvenuto sulla spiaggia di Randello, tra Punta Braccetto e Camarina, in provincia di Ragusa.
Secondo i dati della Guardia di finanza sono arrivate 147 persone, fra cui otto donne, una delle quali in stato di gravidanza, e due bambini. Erano a bordo di un barcone che si è arenato a pochi metri dalla spiaggia.
L'allarme è stato lanciato da alcuni pescatori che hanno visto alcuni immigrati che, dopo avere raggiunto la riva a nuoto, sono riusciti a darsi alla macchia all'interno della riserva naturale gestita dalla Forestale. Gli altri sono stati bloccati e trasferiti nel porto di Pozzallo.
Nel frattempo, 110 persone ospitate nel centro d'accoglienza di Lampedusa dove erano giunte nei giorni scorsi, hanno lasciato l'isola con un aereo diretto a Bari e altre venti in traghetto. Un altro gruppo di 45 clandestini sono stati rimpatriati invece, con un volo diretto in Libia.
Ora la struttura, che ripetiamo può contenere 190 persone, con i nuovi arrivi ne contiene oltre 900.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

24 giugno 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia