Coerente fino alla morte...

Mario Monicelli ha fatto la sua ultima "zingarata" e ha scelto il set della sua fine

30 novembre 2010

Mario Monicelli, l'ultimo "Grande" regista italiano, Maestro assoluto della Commedia all'italiana, si è ucciso ieri sera lanciandosi da un balcone al quinto piano del reparto di urologia dell'ospedale San Giovanni di Roma, dove era ricoverato per un tumore alla prostata in fase terminale. Come dire, una battaglia persa. Almeno per lui, che a 95 anni ha deciso di deporre le armi.
Al contrario del "suo" Bertoldo, che sapendo di dover essere impiccato chiese di scegliersi l’albero al quale farsi appendere - un alberello piccolo piccolo -, ha scelto la via più breve, quella maestra, perché scelta da lui.
Dopo la seduta di terapia, Monicelli ha aspettato di essere solo nella sua camera, quindi ha deciso di... ritirarsi dalle scene. Nessun biglietto. Nessuna parola. Il suo corpo è stato trovato dal personale sanitario, vicino all’ingresso del pronto soccorso, steso vicino alle aiuole.
I medici che lo avevano in cura hanno detto semplicemente che era stanco di vivere da malato e che negli ultimi giorni era triste e insofferente.

Giovanni Veronesi, regista, sceneggiatore e attore cinematografico, in qualche modo erede di Monicelli in quanto a spirito toscano, ha detto: "Non so che cosa si dirà domani di quello che è successo, ma una cosa va detta: non ho mai sentito nessuno che si suicida a novantacinque anni. Era davvero speciale".
Nelle parole di Carlo Lizzani, suo collega e amico, forse la migliore spiegazione al gesto di Monicelli: "Mario era un super laico, uno che voleva gestire la sua vita fino in fondo, il suo è un gesto da lucidità giovane".

Per Mario Monicelli non ci sarà nessun funerale. "La famiglia non ritiene necessario fare un funerale. Tutto verrà fatto nel rispetto della volontà di Mario Monicelli", ha spiegato il nipote Niccolò, aggiungendo che il regista "sarà portato a Monti, il rione in cui viveva, per un ultimo saluto ai monticiani. E poi sarà portato alla Casa del cinema, dove riceverà il saluto di tutti quelli che vorranno rivolgergli un ultimo omaggio".
Come ovvio la Procura di Roma ha aperto un fascicolo d'inchiesta rispetto al suicidio di Monicelli. Il pm di turno, su disposizione dell'aggiunto Pierfilippo Laviani, nel corso della notte si è recato sul posto per un sopralluogo. L'indagine è stata aperta come 'atti relativi a...'. Il titolo del suo ultimo film.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

30 novembre 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia