Com'è andato lo Sciopero Generale

Adesione massiccia alla protesta del 25 novembre indetta da Cgil, Cisl e Uil. Per Berlusconi un rito trito e inutile

26 novembre 2005

Mentre tutta l'Italia si fermava per lo Sciopero Generale del 25 novembre, indetto da Cgil, Cisl e Uil, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi si trovava in Sicilia, a Messina, per chiudere la campagna elettorale del candidato a sindaco del centrodestra, Luigi Ragno. Dal capoluogo siciliano Berlusconi ha detto dello sciopero: ''E' assolutamente inutile, fa parte di un rito trito che non ha nessun effetto''.
Sarà, ma allo sciopero la partecipazione è stata tanta, pure nella regione che maggiormente ha dato credito al Cavaliere e da dove la mobilitazione è stata da lui così criticata.
Parlando di numeri, in Sicilia l'adesione allo sciopero generale ha toccato in alcuni comparti il tetto del 100%.
Sciopero in massa nell'indotto dei petrolchimici di Gela e Siracusa, nell'industria (alla metalmeccanica Almer, ad esempio) e tra i braccianti di Ragusa (che hanno partecipato numerosissimi al corteo per chiedere anche l'abrogazione del tetto alla disoccupazione speciale agricola).

Secondo i dati diffusi da Cgil Cisl e Uil si sono astenuti dal lavoro il 90 % dei dipendenti del Cantiere navale di Palermo, l'80% di quelli dell'ospedale ''Villa Sofia'', il 70% del Policlinico, il 50% dell'azienda dei trasporti urbani Amat, il 40% del Comune.
All'interno dei due petrolchimici siciliani (Siracusa e Gela) hanno incrociato le braccia il 90% dei lavoratori. E ancora, a Milazzo, Messina, (dove alla manifestazione hanno partecipato in seimila) ferma all'80% la raffineria, a Caltanissetta al 50% l'Asl 2 e al 60% l'ospedale Sant'Elia.
A Porto Empedocle (Agrigento) sciopero per il 90% dei lavoratori delle Cementerie, a Caltagirone (Catania) per l'80% dei lavoratori Enel, a Marsala (Trapani) per il 100% dei dipendenti della metalmeccanica ''Ausonia''.
Le stime complessive per comparto parlano del 50% di scioperanti nell'industria alimentare della regione (Heineken, Latte Sole, Coca Cola e piccole imprese), del 50% nel pubblico impiego.

E ancora sempre secondo le stime dei sindacati, sono stati 30 mila, tra lavoratori, pensionati, precari e studenti scesi in piazza a Palermo contro la Finanziaria nazionale e la manovra economica del governo regionale, davanti al leader della Uil, Luigi Angeletti.
Anche a Catania, hanno partecipato alla manifestazione in 30 mila, circa 10 mila invece per la Questura; a Siracusa e Ragusa in 10 mila.
Ottomila tra lavoratori, pensionati e disoccupati hanno sfilato in corteo ad Agrigento, 5 mila a Caltanissetta, 2 mila a Trapani, 6 mila a Milazzo (Messina), 1.500 ad Enna.
Per il premier un rito inutile e senza effetto, ma per i sindacati siciliani il giudizio può essere solo positivo.

Da Catania, il segretario della Cisl Sicilia Paolo Mezzio, ha invitato il governatore della regione, Totò Cuffaro, a dimettersi e a ridare ''voce e potere al corpo elettorale''. ''Non è un governo normale - ha detto - quello che si avvita su se stesso con discussioni interminabili sulla data conveniente delle elezioni mentre le cronache ci consegnano l'immagine di una Sicilia delle intercettazioni e del ricatto mafioso, di istituzioni e della sanità diventate terra di conquiste di faccendieri e mafiosi''.
''In Sicilia - ha incalzato il leader Cisl - 300 mila giovani diplomati e laureati negli ultimi tre anni hanno fatto la valigia e sono andati altrove in cercare d'un futuro, l'agricoltura e la forestazione sono allo sbando, la formazione è priva di riforma e senza prospettive, le grandi aziende traslocano preferendo l'est europeo e l'est del mondo''. ''Di tutto questo - ha sostenuto Mezzio - la finanziaria regionale non si accorge come su un altro pianeta sembra volare la finanziaria nazionale''.

Un Italia a doppio binario, quella descritta a Palermo dal leader nazionale della Uil, Liugi Angeletti, con ''i ricchi che aumentano i propri patrimoni e possono evadere il fisco'', e ''i pensionati e i lavoratori dipendenti, cioè i due terzi degli italiani, che vivono con grande fatica e pagano il 70% delle tasse pur producendo la metà della ricchezza del Paese. Mentre l'economia va male e la finanziaria non fa nulla per risolvere i nodi fondamentali, tra cui la scarsa crescita del Paese e la tutela dei redditi dei lavoratori''.
Davanti a una piazza partecipe, Angeletti ha strigliato il governo e la maggioranza che, dice, ''quando abbiamo programmato lo sciopero, ha reagito con l'insulto dicendo che era uno sciopero politico, accuse meschine alle quali siamo abituati''. ''L'Italia - a inoltre detto Angeletti - è il Paese che sta peggio nell'Ue, e dieci anni fa non era così. Tutti i giorni c'è un'azienda che chiude, qualcuna fa ristrutturazione, altre mandano a casa i lavoratori, ci sono milioni di persone che si stanno impoverendo e si perdono migliaia di posti di lavoro, alcuni sostituiti con occupazione precaria e sottopagata: questa è la realtà dell’Italia, non la propaganda che si continua a fare''.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

26 novembre 2005

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia