Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Come è andato sciopero dei cellulari? Secondo le associazioni è rimasto spento un telefonino su 5

Guerra di numeri fra le associazioni dei consumatori e le compagnie telefoniche

16 luglio 2004

Quanti telefonini sono rimasti spenti ieri nelle due ore di sciopero indette dall'Intesa Consumatori? Secondo i dati diffusi dalle associazioni (Adoc, Adusbef, Codacons e Federconsumatori) un italiano su 5 avrebbe deciso di aderire alla protesta e rinunciare a telefonate e messaggini.
Di avviso completamente opposto sono le compagnie telefoniche, che, rispetto a ieri, hanno registrato un aumento delle chiamate da e verso i cellulari.

L'Intesa Consumatori si dichiara soddisfatta sottolineado il successo dell'iniziativa, defininendo quella di ieri "una buona adesione allo sciopero". Secondo i dati raccolti dalle sedi delle associazioni di consumatori sparse in tutt'Italia, circa otto milioni di utenti hanno rinunciato al cellulare per due ore. Questa cifra è calcolata su un totale di 40 milioni di linee di telefonia mobile "effettive". Per le statistiche ufficiali, i telefonini sono circa 60 milioni.

Le adesioni, sempre secondo i consumatori, sono state maggiori al Sud (23%), seguito dal Nord (20%) e dal Centro (17%).

A sentire i gestori le cose sono andate in tutt'altro modo. Per Tim il traffico, nella prima ora di sciopero, e cioè dalle 12 alle 13, è aumentato dell'8 per cento rispetto a ieri: si è passati, cioè da 2 milioni 900 mila telefonate a 3 milioni 135 mila. E aggiunge: "Nessuno ha spento il telefonino". Vodafone parla di "traffico assolutamente regolare". E H3G non rileva alcuna variazione al ribasso: "Le videotelefonate sono aumentate, non c'è stato alcun effetto-sciopero".

Lo sciopero, ricorda l'Intesa Consumatori, era volto a richiamare l'attenzione "sulle pesanti condizioni applicate dalle compagnie telefoniche italiane: inutili scatti alla risposta, aumenti dei prezzi degli sms (15 centesimi di euro l’uno mentre in Francia il loro prezzo è sceso a 9 cent), promozioni truffaldine, servizi inutili, chiamate ai telefoni fissi a prezzi da capogiro, assenza di trasparenza tariffaria sull’affitto della linea internazionale (roaming), che oltre a destare sospetti di «cartello» tra le principali compagnie con consistenti incroci azionari, prosciuga le tasche di 5 milioni di consumatori che specie in estate si spostano in Europa, per occasioni di vacanze o di studio, e la nota vicenda della "number portability".

Intesa Consumatori chiede ora l'apertura immediata di un tavolo di confronto con i gestori della telefonia mobile, per affrontare e risolvere tutte le questioni che "attanagliano e danneggiano gli utenti". In caso contrario, avvertono Adoc, Adusbef, Federconsumatori e Codacons, "non ci accontenteremo di due ore di sciopero, ma arriveremo a serrate drastiche di 24 - 48 ore, forti dell’appoggio dimostrato oggi dagli utenti della telefonia mobile".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

16 luglio 2004
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE