Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Condannata Maria Angela Di Trapani: "un vero uomo d'onore"

10 anni di reclusione per la moglie del boss palermitano Salvino Madonia, killer di Libero Grassi

06 maggio 2010

I pentiti sostengono che abbia preso le redini del clan dopo l'arresto del marito, come un vero "uomo d'onore", ieri Maria Angela Di Trapani, moglie del boss palermitano Salvino Madonia, killer dell'imprenditore Libero Grassi, è stata condannata a 10 anni per associazione mafiosa.
Condannati anche gli altri sei imputati del processo, celebrato in abbreviato davanti al gup di Palermo Lorenzo Matassa. La pena più alta è stata inflitta allo zio della donna, Michele Di Trapani, che ha avuto 10 anni e 8 mesi. Gli altri protagonisti della vicenda giudiziaria, che ruota attorno a uno dei più potenti clan palermitani, sono stati condannati a pene comprese tra i due anni e 4 mesi e i 10 anni e 4 mesi.
"Postina" dei messaggi inviati dal carcere dal marito, ergastolano al 41 bis, agli uomini della cosca, ma anche in grado di condizionare le nomine dei vertici dei mandamenti mafiosi, la Di Trapani venne arrestata nel 2008. L'inchiesta è stata condotta dai pm della Dda Gaetano Paci e Anna Maria Picozzi.
A 10 anni e 4 mesi è stato condannato Vincenzo Sgadari. I pm gli avevano contestato l'associazione mafiosa, ma il gup ha modificato l'imputazione in concorso in associazione mafiosa. A due anni, per rivelazione di segreti d'ufficio, è stato condannato Francesco Di Pace; mentre Pietro Pizzo, a cui era stato imputato il concorso in associazione mafiosa ha avuto 4 anni per fittizia intestazione di beni. [ANSA]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

06 maggio 2010
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia