Coppa Uefa. I rosanero salutano la coppa europea, dopo il pareggio con il Celta al Barbera

14 dicembre 2006

PALERMO - CELTA 1-1
Palermo (4-4-2): Agliardi 7, Cassani 5.5, Zaccardo 5, Barzagli 6, Pisano 5.5, Bresciano 6 (18' st Brienza 6.5), Simplicio 6, Corini 5.5 (18' st Gio. Tedesco 6.5), Guana 7 (39' st Parravicini sv), Di Michele 5, Caracciolo 5. (12 Fontana, 15 Dellafiore, 22 Munari, 32 Capuano). All.: Guidolin 6.
Celta Vigo (4-4-1-1): Suarez 6, Angel Lopez 6, Contreras 6, Lequi 6.5, Placente 6, Gustavo Lopez 6.5 (43' st Tamas sv), Iriney 6.5, Oubina 5.5, Nenè 6.5 (45' st Nunez sv), Canobbio 7 (47' st Larena sv), Baiano 6.5. (13 Josè Pinto, 14 Perera, 19 Yago, 22 de Ridder). All.: Vazquez 6.
Arbitro: Thomson (Scozia) 6.
Reti: nel st, 13' Baiano, 25' Gio. Tedesco.
Note: angoli: 10-0 per il Celta Vigo. Recupero: 3' e 3'. Ammoniti: Guana, Nenè, Lequi e Iriney per proteste; Caracciolo per simulazione di fallo; Contreras e Pisano per gioco falloso. Spettatori: 10.222, per un incasso di 121.459,00 euro.

----------------------------------------

Si conclude per il Palermo la seconda avventura in Uefa della sua storia. I rosanero, che avevano assoluto bisogno di battere il Celta Vigo per approdare nei sedicesimi di finale, non sono riusciti ad andare oltre l'1-1 contro gli spagnoli che, fin dalle prime battute di gioco, hanno dimostrato di poter conservare l'imbattibilità nello stadio Barbera. Inutile e sterile l'assalto finale del Palermo e anche il gol di Giovanni Tedesco attenua in minima parte la delusione del pubblico palermitano. I tifosi, al contrario delle dichiarazioni di facciata del presidente Maurizio Zamparini, ci tenevano a proseguire il cammino in Europa, che il Palermo ha potuto riconquistare solo grazie alle sentenza di calciopoli.
Guidolin ha anche cercato di dimostrare di volerla vincere, questa partita, schierando il miglior Palermo (che senza Amauri perde, però, almeno il 40 per cento della sua capacità realizzativa), ma non c'è stato nulla da fare contro una formazione galiziana che ha cercato in tutti i modi di andare avanti in questa competizione.

Nel primo tempo c'è più Celta che Palermo in campo. I rosanero devono vincere a tutti i costi per proseguire l'avventura europea, ma vengono colti di sorpresa e per poco non capitolano già dopo soli 2', allorché Canobbio trova un varco in area e cerca l'angolo basso, ma trova la mano di Agliardi che manda in angolo.
Canobbio ci riproverà più tardi dalla lunga distanza, ma troverà ancora una volta Agliardi pronto a negargli la gioia del vantaggio; infine ci penserà la traversa a salvare il Palermo, dopo un erroraccio di Zaccardo che mette l'attaccante galiziano nelle condizioni di perfezionare il suo pallonetto. Il Palermo si affida alle incursioni di Di Michele e alle puntate offensive di Caracciolo, come sempre poco pungente, ma riesce solo a confezionare una conclusione dell'ex udinese (6'), con palla alta. Ci vuole ben altro contro il Celta che, nel corso dell'attuale stagione, ha al suo attivo anche un successo nella tana del Real di 'don' Fabio Capello.

La ripresa promette bene e quantomeno offre due gol: passa per primo il Celta Vigo con Baiano, ma i rosanero rispondono con Giovanni Tedesco, mandato in campo assieme a Brienza, sia per preservare un paio di titolari (persi per persi) in vista della supersfida di domenica sera a Roma, sia per rinvigorire il pacchetto avanzato. L'1-1 restituisce entusiasmo ai tifosi, ma non alla squadra, che continua a costruire e a non finalizzare, soprattutto per effetto dell'assenza di Amauri, acquistato dal Palermo dopo avere giocato il preliminare di Champions con la maglia del Chievo e dunque impossibilitato a rimettere piede in Europa in un'altra competizione. Finisce con i galiziani esultanti e il pubblico che applaude ugualmente il Palermo, sognando magari una notte magica a Roma domenica prossima.

Fonte: La Sicilia

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

14 dicembre 2006

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia