Costa Concordia: i resti sono della siciliana Trecarichi

Le tracce umane trovate nel locale stoviglie del ponte 3 sono compatibili con il Dna della donna siciliana.

24 ottobre 2013



I resti umani trovati nel locale stoviglie del ponte 3 della Concordia sono compatibili con il codice genetico di Maria Grazia Trecarichi. Lo hanno comunicato al tribunale di Grosseto i responsabili della polizia scientifica di Roma a cui era stata affidata la perizia del Dna.
"Ho appreso dai mezzi di stampa che il corpo ritrovato nel relitto della Costa Concordia è quello di mia moglie, ma io non so nulla di ufficiale", dice Elio Vincenzi, il marito della donna. "Mi avevano assicurato che sarei stato il primo a sapere se quel corpo era quello di mia moglie, non è andata così. Pazienza. Tra l'altro sono a scuola (Vincenzi è insegnante alle medie, ndr) e non sono riuscito a mettermi in contatto con nessuno. E' un fatto formale perché io non ho mai avuto dubbi".

 

Vincenzi e la figlia Stefania, che si salvò dal naufragio proprio perché la madre cedette il posto nella scialuppa a lei e al suo fidanzato, avevano riconosciuto, due settimane fa, in due foto inviate dalla Procura di Grosseto alla questura di Catania, la catenina e le scarpe della donna. "Credo che alla fine della prossima settimana il corpo di mia moglie potrebbe essere già essere a Leonforte (En) dove per sua volontà si farà il funerale". (Fonte - Lasiciliaweb.it)

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

24 ottobre 2013

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia