Da i dati Istat risulta che nel Mezzogiorno non aumenta solo il turismo ma anche la povertà

08 agosto 2002
A quanto risulta dall' indagine dell' Istat ''La povertà in Italia nel 2001'', si fanno più nette le differenze tra Centro-Nord e Sud: con un lieve miglioramento per le regioni centro-settentrionali e un Mezzogiorno fanalino di coda che non riesce ad emergere da una situazione di disagio.
Nello scorso anno circa 2 milioni 663.000 famiglie (pari al 12% del totale delle famiglie residenti) abbiano vissuto in condizione di povertà relativa (il 12,3% nel 2000), per un totale di 7.828.000 individui (13,6% dell'intera popolazione).

La distribuzione delle famiglie povere secondo l'Istat: 534.000 al Nord (20,1%), 363.000 al Centro (13,6) e 1.766.000 al Sud (66,3%); significa che le persone povere sono: al Nord 1.339.000 (17,1%), al Centro 1.057.000 (13,5%) e al Sud 5.432.000 (69,4%). Così l' incidenza della povertà che a livello nazionale arriva al 12% è al Nord 5 %, al Centro 8,4% e a Sud 24,3%.
Secondo l' indagine nello scorso anno sono state sotto la soglia della povertà assoluta 940.000 famiglie (pari al 4,2%) e 3.028.000 individui (pari al 5,3%). Nel Mezzogiorno l' incidenza è stata del 9,7% mentre nel Centro e nel Nord è stata pari rispettivamente a 2,3% e a 1,3%.

La novità è un allargamento della forbice con il Centro che si avvicina al Nord diminuendo entrambi la soglia di povertà e un Sud dove aumenta.
La povertà colpisce soprattutto le famiglie numerose con tre o più figli (circa 25%, 36% concentrate al Sud)), quelle che hanno un anziano in casa (13,8%), quelle dove il capo famiglia non ha titolo di studio (18,7%) e il 22% dei nuclei familiari con un disoccupato, ma arriva al 41,1% se sono almeno due senza lavoro. Migliora invece la condizione dei single e delle coppie con uno o due figli.
Mentre a livello nazionale non fa nessuna differenza se il capo famiglia è uomo o donna, la situazione cambia per il Mezzogiorno dove il 25% dei nuclei familiari con a capo una donna sono povere.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

08 agosto 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia