Dalla pasta Cunegonda di Umberto Eco all'eticità del canone Rai

Pagare o fare obiezione di coscienza?

11 febbraio 2003

Leggiamo sul sito del Movimento Cunegonda
e rilanciamo un appello dalle pagine del portale
con l'auspicio di creare un dibattito
su un tema di grande attualità
e che impensierisce tutti gli utenti,
a sinistra e a destra del teleschermo


Molti di voi ci chiedono se sia lecito che un'azienda pubblica possa oscurare programmi e intelligenze che non la pensano come l'attuale Governo, rappresentato diligentemente in Rai dall'attuale Consiglio di amministrazione, o da quello che ne è rimasto.

E ancora ci chiedete quali siano le forme legali per opporsi al pagamento del canone Rai, canone che potrebbe essere pagato a cuor leggero se la Rai svolgesse un reale servizio pubblico. Insomma, molti si domandano: perché si dovremmo pagare per l'allontanamento di Biagi, Luttazzi, Santoro, oppure per i tagli a Radio Tre, oppure ancora per l'oscuramento del sito Rai Libro, inviso alla nuova dirigenza Rai forse per il livello intellettuale troppo alto dei contributi e dei responsabili del sito (lo scrittore Nanni Balestrini, tra i tanti).
Il movimento Cunegonda Italia, insieme a TV Libera, sta pensando all'istituzione di una fondazione che possa in un certo senso accogliere i versamenti del canone congelandoli temporaneamente, magari investendoli in obbligazioni "etiche" fino a quando la Rai non tornerà a svolgere il ruolo pubblico che le compete. In questo caso il canone verrebbe pagato, ma con una clausola di versamento legata alla qualità del servizio offerto.
Un'altra opportunità è quella di aderire alla campagna di mobilitazione promossa dal movimento Rai Libera, che propone, in partnership con il progetto Tv Libera, il non pagamento del canone Rai.

Molti di voi ci hanno anche proposto una civile quanto simbolica forma di protesta. Pagare il canone? Ebbene sì, per questa volta lo paghiamo ancora, ma nella causale del versamento, spazio sul retro del bollettino di versamento, potremmo effettivamente evidenziare le motivazioni del nostro pagamento scrivendo la seguente frase: "PAGO PER UNA TV LIBERA DALLA CENSURA, SPERANDO DI RIVEDERE PRESTO BIAGI, SANTORO E LUTTAZZI".

Non paghiamo il canone al monopolio dell'informazione televisiva
Ognuno di noi, acquistando prodotti pubblicizzati sulle reti Mediaset, versa a fine anno una quota che è di molto superiore alla cifra del canone Rai. E' in base a questa constatazione che Cunegonda Italia invita a leggere con attenzione la seguente lista di prodotti, che comprende i maggiori inserzionisti che comprano spazi pubblicitari sulle reti Mediaset.

Il Movimento Cunegonda non invita a non acquistare, ma a pensare che ogni nostro acquisto di prodotti reclamizzati sulle reti Mediaset si traduce in un contributo economico a sostegno del monopolio dell'informazione televisiva. La scelta sull'acquisto o meno dei prodotti viene dopo, e dipende solo dalla volontà individuale

Se acquisti questi prodotti paghi il canone a Mediaset.
Elenco valido fino al 31 marzo 2003

Alimentazione
San Pellegrino, Acqua Panna, Surgelati Findus, Nesquik, Nescafè, Mulino Bianco, Oro Saiwa, Buitoni, Perugina, Gelati Motta, Moncherì, Pocket Coffee, Raffaello, Rocher, Kinder, Nutella Ferrero, Yogo Brioss, Olio Bertolli, Pasta e sughi Barilla, Mulino Bianco, Pavesi, Daygum.
Articoli per la casa
Ace, Bolt, Dash, Mastro Lindo, Nelsen Piatti, Swiffer, Viakal, Lysoform, WC Net, Omino Bianco, Swiffer.
Articoli per l'igiene personale
Infasil, AZ, Pantene, Roberts, Mentadent, Dove.
Per lei e per lui
Laura Biagiotti Profumi, Max Factor, Oil of Olaz, Golden lady, Omsa, Settimanale Donna Moderna, Lacoste Profumi, Calzedonia.
Auto
Renault, Daewoo, Opel.
Telefonia
Alice Adsl, Tim.

INFO
Movimento di Cunegonda
L'occhio critico sui consumi
Missione attuale: la fine del monopolio dell'informazione televisiva

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

11 febbraio 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia