Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine
 Cookie

Danza e religione si fanno tutt'uno a Palermo con lo show dei Dervisci Rotanti

12 maggio 2010

Una grande coreografia di piazza, ma anche uno spettacolare rito religioso incentrato sulla danza, che si celebra da oltre 800 anni nei paesi del Mediterraneo.
A Palermo, Piazza San Domenico si fa palco giovedì 13 maggio alle 19 in occasione dello show all’aperto del gruppo dei Dervisci Rotanti, provenienti direttamente da Konya in Turchia.

La confraternita dei Dervisci Rotanti - fondati nel 1200 dal poeta Celaleddin Rumi - rappresentano la massima espressione del misticismo islamico. Lo spettacolo che compiono è una cerimonia religiosa incentrata su una preghiera: il Sema.
Vestiti da una tunica bianca, che rappresenta il sudario, e da un alto copricapo, la pietra tombale, i dervisci girano danzando in senso rotatorio attorno al Maestro. La mano sinistra è abbassata verso la terra, mentre la destra si erge verso il cielo. Questa preghiera rappresenta lo spirito universale che danzando gira intorno a quello Divino. Come una falena svolazza intorno alla candela e girando raggiunge l’estasi: l’unione dell’uomo con il Divino.
La musica incalzante è dominata dal nav, un flauto verticale, e dai kudum, piccoli timpani in cuoio, e dagli halile, piatti di rame. Quando tutti gli strumenti si saranno fermati, la danza continuerà in silenzio. Solo la voce di un flauto solitaria la fermerà e li riporterà alla realtà.
Il gruppo è composto da 25 Dervisci e un Maestro e sono considerati una sorta di fiore all’occhiello della cultura islamica dal Ministero della Cultura Turco.
La cerimonia dei Dervisci Rotanti è stata organizzata da Ascania Baldasseroni e da Marica Lo Porto ed è stata fortemente voluta dalla Fondazione Roma Mediterraneo, nell’ambito della Conferenza Mediterraneo Porta d’Oriente. Non è uno spettacolo folkloristico, ma una vera preghiera compiuta attraverso la danza per la pace nel Mediterraneo. Un mezzo per riannodare le funi sommerse del nostro "mare interno" e un grande privilegio per la città di Palermo.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

12 maggio 2010
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia