Dedicato a Gioacchino Arnone

Bandita la XXIX edizione del Premio Internazionale di Poesia Città di Marineo 2003

14 aprile 2003
Quando alla fine degli anni settanta un giornalista chiese a Ignazio Buttitta in quale posto gli capitasse di recitare meglio le sue poesie, senza alcuna esitazione rispose: "A Marineo". Spiegando poi che in nessun altro posto al mondo la partecipazione popolare era così spontanea e intensa da stimolare le doti di un poeta. Oggi, l'immagine che Marineo proietta all'esterno è quella di un vitale centro di cultura. Lo testimoniano alcuni dei suoi "biglietti da visita": le Fondazioni Culturali Gioacchino Arnone con la scuola di liuteria, un gemellaggio con Sainte Sigoléne conosciuto in tutta Europa, una base scout internazionale, tantissime associazioni culturali e di volontariato che operano sul territorio, le tradizioni religiose e folkloristiche custodite gelosamente e un premio di poesia noto in tutta Italia.

Era il 1974 quando un gruppo di giovani del Circolo culturale cattolico avvertirono l'esigenza di dar vita ad un progetto innovativo: creare una rassegna poetica lontana dall'atmosfera addolcita dei cenacoli letterari esclusivi, che traesse linfa e radicasse i suoi valori nel cuore della civiltà contadina, nella magia quotidiana della vita dei campi, fatta di duro lavoro e amore per la terra, di generosa e fedele custodia delle tradizioni. La provocazione era evidente: risanare un'area depressa presuppone un'operazione culturale, la presa di coscienza del nuovo che avanza, di ciò che, nonostante tutto, cresce e si sviluppa. Ma pochi lo capirono.

Dopo un comprensibile scetticismo iniziale, in molti dovettero ammettere che l'obiettivo era stato centrato. Nel giro di pochissime edizioni, infatti, il Premio Marineo era riuscito a fare uscire dai salotti la poesia ufficiale, portandola in piazza, tra la gente comune: uomini, donne e bambini sorridenti riuscivano a divertirsi e appassionarsi per una manifestazione che non era più la corsa dei cavalli o il palo della cuccagna.

Il concorso marinese si è subito distinto per la serietà con cui ha individuato, edizione dopo edizione, i rappresentanti del mondo della poesia, dell'arte e della cultura cui assegnare l'ambito riconoscimento. L'albo d'oro del Premio è la testimonianza migliore dell'esistenza di una Sicilia impegnata, che vuole dare di se un'immagine autentica. Si tratta di personalità di rilievo e di prestigio internazionale, che hanno dato lustro alla nostra terra. La rosa di nomi si è poi inevitabilmente allargata fino a comprendere figure e personalità non necessariamente di origine siciliana. Così, uscito dalla dimensione provinciale, il Premio Marineo ha assunto un respiro nazionale prima, e poi internazionale.

Le luci del palcoscenico, anno dopo anno, si sono posate su ospiti come i giornalisti Giuseppe Fava, Sergio Zavoli, Piero Angela, Bruno Vespa; uomini di scienza quali Antonino Zichichi, Marcello Carapezza, Umberto Veronesi e Luc Montagnier; i letterati Emilio Isgrò, Rafael Alberti, Andrej Siniavskijm Marek Swarniskj, Evgenij Ewtushencko. E ancora: Bruno Caruso, Franco Battiato, Mogol, Lando Buzzanca, Arnoldo Foà, Giorgio Albertazzi, Turi Ferro, Salvatore Pappalardo, Pierino Gelmini.

___________________

Il circolo culturale cattolico di Marineo e le Fondazioni culturali Gioacchino Arnone bandiscono la XXIX edizione del Premio Internazionale di poesia "Città di Marineo 2003"

Il premio si articola in quattro sezioni:
a) poesia italiana edita
b) poesia in lingua siciliana inedita
c) poesia in lingua siciliana edita
d) sezione speciale internazionale

Possono partecipare alla sezione a) gli autori che abbiamo pubblicato una raccolta di poesie lingua italiana tra il primo gennaio 2001 e il 31 maggio 2003.
Le opere concorrenti dovranno essere inviate in dodici copie corredate da generalità, indirizzo e recapito telefonico dell'autore.
Alla sezione b) gli autori possono partecipare inviando da 1 a 5 poesie inedite in lingua siciliana e mai premiato in altri concorsi. Le liriche vanno presentate in dodici copie dattiloscritte recanti in calce uno pseudonimo o un motto da ripetere su una busta sigillata contenente generalità, indirizzo e recapito telefonico dell'autore.
Gli autori partecipanti alla sezione c) debbono inviare una silloge edita in lingua siciliana, stampata tra il primo gennaio 2001 e il 31 maggio 2003, in dodici copie, corredate da generalità, indirizzo e recapito telefonico dell'autore.
Gli elaborati non si restituiscono.
Non vengono ammessi poeti che, nell'ultimo triennio, siano già risultati vincitori in una delle sezioni.
La commissione giudicatrice, al suo insindacabile giudizio, nell'ambito della sezione speciale d), indicherà il vincitore del Premio Internazionale.
Tutti i concorrenti devono trasmettere le opere, improrogabilmente (farà fede la data del timbro postale), entro e non oltre il 15 giugno 2003, alla segreteria del premio Marineo:
Piazza della Repubblica 20 - 90035 Marineo

Il vincitore del Premio della sezione A riceverà una borsa di studio di euro 2065.
Il vincitore del Premio sezione B riceverà una borsa di studio di euro 1032.
Il vincitore del Premio sezione C riceverà una borsa di studio di euro 1549
Il vincitore del Premio Internazionale riceverà una borsa di studio di euro 3098.

E' obbligo dei vincitori presenziare al conferimento dei premi.
La partecipazione al concorso implica l'accettazione di tutte le norme del bando.
La cerimonia di premiazione avrà luogo a Marineo, presso la Piazza del Castello Aragonese, domenica 14 settembre 2003.

INFO
Fondazioni culturali "Gioacchino Arnone"
Circolo culturale di Marineo
Piazza della Repubblica 20 - 90035 Marineo
tel. 091 8726 931

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

14 aprile 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia