Dedicato al "Desiderio" il Taobuk 2019

Il festival letterario internazionale di Taormina premierà quest’anno Ian McEwan

28 gennaio 2019
Dedicato al ''Desiderio'' il Taobuk 2019

Sarà dedicata al desiderio l'edizione 2019 del festival letterario Taobuk, in programma a Taormina dal 21 al 25 giugno, che assegnerà allo scrittore Ian McEwan il Taomina Award riservato alle eccellenze.
Il desiderio visto, stimolo e motivazione del cammino umano, individuale e collettivo: saranno esplorate le infinite sfaccettature del desiderio nella voce di filosofi, artisti e letterati.

Antonella Ferrara, ideatrice e presidente del Taobuk

Spiega Antonella Ferrara, ideatrice e presidente della manifestazione: "Abbiamo deciso di seguire il suggerimento di Oscar Wilde e cedere con entusiasmo a una tentazione persino più grande, quella di tessere l’elogio del desiderio, evidenziandone diverse e inedite sfaccettature, tra le infinite che il tema suggerisce da millenni a filosofi, artisti e naturalmente letterati. Desiderare, abbracciare un sogno, è tutt’uno con la voglia di progettare il futuro, è trovare uno scopo ed essere motivati a perseguirlo".

Ian McEwan

Nel programma di incontri, mostre ed eventi, spicca la serata della consegna dei Taobuk Awards, sabato 22 giugno alle 20.30 al Teatro Antico: sarà premiato lo scrittore inglese Ian McEwan, tra le voci più significative della narrativa contemporanea, al quale si devono opere cupe, inquietanti, di straordinaria profondità e introspezione.

"Taobuk" Festival letterario internazionale

In programma anche anche la mostra che muove dall'idea di raccontare il paesaggio della Sicilia, sia il mare che l'entroterra, attraverso la lingua incerta e le emozioni che traspaiono dai diari e dalle memorie dei siciliani. Dai dipinti di Leto a quelli di Lojacono, da Catti a Cortegiani, la collezione traccia un racconto visivo ricco di suggestioni: la Sicilia dei pescatori e quella dei contadini che raccolgono le olive, i figli dei poveri e i merletti delle donne benestanti.

Un paesaggio siciliano di Michele Cortegiani

La mostra si compone di una quarantina di  dipinti, tenuti insieme dalle parole degli stessi siciliani, frammenti di lingua siciliana e di vita che verranno estratti dai diari e dalle lettere dei siciliani raccolti nell'Archivio diaristico di Pieve Santo Stefano.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

28 gennaio 2019

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia