Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Dolce&Gabbana a Palermo, tra opportunità e (immancabili) polemiche

Il capoluogo diventa passerella dell’alta moda internazionale, ma per molti Palermo in questi giorni è solo una città in "ostaggio"

06 luglio 2017
Dolce&Gabbana a Palermo, tra opportunità e (immancabili) polemiche

Che la scelta di Dolce&Gabbana di far diventare per quattro giorni Palermo passerella dell’alta moda internazionale, sia una buona opportunità non ci vuole tanto a capirlo.
Eppure, la città aperta per top model e vip ma blindata per tutti gli altri, si sta portando appresso l'immancabile strascico di polemiche.

La Capitale italiana della Cultura 2018 si appresta a vivere il Grande Evento organizzato dalla coppia di stilisti, e lo sta facendo con un enorme spiegamento di forze e di risorse.
Anche Monreale, tra divieti e accessi proibiti, aprirà alle sfilate la sua preziosa piazza e il dedalo di stradine che circondano la cattedrale arabo-normanna.

Decine gli alberghi prenotati che ospiteranno 111 modelle, 118 modelli, 50 giornalisti internazionali e 450 personaggi tra cui uno stuolo di grandi segretissimi nomi dello spettacolo. Le indiscrezioni si divertono a suggerirne alcuni come Robert De Niro, Brad Pitt, Madonna. E l'organizzazione è pronta a smentirli e a tenere sigillato l'elenco dei vip invitati tra i quali si aggirerà, si dice, una troupe del regista Giuseppe Tornatore. Tutto è organizzato secondo le regole di un'operazione di marketing che serve a lanciare le collezioni del celebre marchio. Per Domenico Dolce è un grande ritorno alle origini perché proprio da qui, lui che è nato a Polizzi Generosa nelle Madonie, prese il volo la sua avventura nel mondo dell'alta moda. E qui cerca di riprendere le suggestioni forti della Sicilia, tra mercati popolari e palazzi aristocratici.

Una sala del Palazzo Valguarnera Gangi

E proprio dai saloni di palazzo Gangi (che hanno ospitato la regina Elisabetta e sono stati set per Il Gattopardo di Luchino Visconti), si parte con una sfilata di alta gioielleria donna. Seguirà una esclusiva cena di gala nella vicina Galleria d'arte. Arte e moda si ritroveranno ancora a palazzo Mazzarino, a piazza Pretoria e alla tonnara Florio, mentre la piazza davanti al Duomo di Monreale sarà interdetta, oltre che ai curiosi, anche ai residenti per la cifra di 12 mila euro versati al Comune e altri "donativi" ai locali del centro storico. Una scelta che ha fatto storcere il naso a diversi abitanti della cittadina normanna. In tanti hanno postato commenti salaci e critiche sui social per una "occupazione" senza limiti. Non manca anche la polemica politica. Nei pezzi dei due stilisti saranno molti i richiami alle atmosfere e ai simboli della Sicilia tranne che alla questione mafiosa, come sottolinea Michele Anzaldi parlamentare palermitano del Pd. Il sindaco Leoluca Orlando si dice invece grato alla "sensibilità" di Dolce e Gabbana per avere scelto Palermo come palcoscenico delle sfilate. Ma sono diversi a polemizzare sulla catena dei divieti e su un preteso "sfruttamento" degli stereotipi della Sicilia per una operazione di puro marketing. [ANSA]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

06 luglio 2017
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE