Don Sturzo

Al via la causa di beatificazione del sacerdote di Caltagirone che fondò il Partito Popolare italiano

14 maggio 2002
E' stato uno dei fondatori del Partito Popolare italiano, fu costretto ad un esilio di 22 anni durante il fascismo, in polemica con le gerarchie del Vaticano che firmarono nel 1929 i Patti Lateranensi con il governo Mussolini. Ora diventerà un santo. Il tribunale diocesano di Roma ha aperto ufficialmente la causa di beatificazione di don Luigi Sturzo, figura chiave della vita politica italiana da quando nel dicembre 1918 lanciò il celebre appello "a tutti gli uomini liberi e forti" per concretizzare in un organico progetto politico la dottrina sociale della Chiesa cattolica.

All'apertura del processo nel palazzo apostolico lateranense, presieduta dal cardinale vicario del papa per la diocesi di Roma, Camillo Ruini, erano presenti i nipoti del sacerdote siciliano e alcuni tra gli studiosi del suo pensiero politico, oltre al sindaco ulivista di Caltagirone, dove Sturzo nacque il 26 ottobre 1871 e fu sindaco dal 1905 al 1920, dopo essere autorizzato da Papa Pio X.

"Spero in un processo rapido per una figura cosi' completa, una di quelle che più altamente onorano il cattolicesimo italiano e il sacerdozio cattolico" ha detto tra l'altro il presidente della Cei, ricordando come Don Sturzo condusse, proprio nel ruolo di sindaco una forte battaglia contro gli interessi privati più forti".

Il partito di cattolici che Don Sturzo fondò il 18 gennaio 1919 nell'albergo Santa Chiara di Roma consentì alle masse dei credenti  di venire rappresentate in parlamento. Segretario del ppi dalla sua fondazione, Sturzo riusci' a tenere il partito su posizioni di centro ma sempre chiaramente antifasciste.

Nel 1923 riuscì ad ottenere il ritiro dell'appoggio del Ppi al governo Mussolini, costituitosi alla fine dell'ottobre 1922 dopo la 'Marcia su Roma'. Fu anche per questa scelta, pochi mesi dopo Sturzo fu costretto alle dimissioni dalle pressioni della Santa Sede.

Fonte: Rai Net News

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

14 maggio 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia