Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Dopo il mancato incontro con il presidente Cuffaro gli agricoltori continuano la pacifica occupazione della Sala consiliare di Salemi

28 giugno 2005

Nella prima mattinata di ieri circa 40 agricoltori hanno occupato la Sala consiliare del Comune di Salemi per protestare contro il Governo Regionale e quello Nazionale per la mancanza di adeguate misure volte a contrastare la grave crisi del settore agricolo che sta mandando sul lastrico centinaia di aziende.
Ai lavoratori agricoli hanno espresso solidarietà il sindaco Biagio Mastrantoni e il Presidente del Consiglio comunale Antonio Brunetta ''comprendendone - hanno detto - i disagi che sono alla base di una così forte protesta''.
Tra gli occupanti l'assessore all'Agricoltura Gaspare Alonzo, il consigliere comunale dei Democratici di Sinistra Gaspare Baudanza e il segretario della Quercia Gianni Armata.
Nel corso di un'assemblea svoltasi all'interno della sala consiliare sono intervenuti tra gli altri Baldassare Giaramidaro,  Presidente della ''Cooperativa Agricola Produttori Vinicoli Riuniti'' di Mazara del Vallo, Vincenzo Lombardo, presidente della Cantina Uvam (Salemi-Marsala) e Dino Taschetta, presidente delle ''Cantine Colomba Bianca''.

Il sindaco Biagio Mastrantoni, dopo avere incontrato gli agricoltori che occupano la sala consiliare, aveva annunciato la richiesta ai sindaci della Provincia di unirsi all'incontro che si sarebbe dovuto tenere oggi a Palermo con il presidente Cuffaro, ma che non si è svolto.
I lavoratori, esasperati, sono scesi in strada per protestare, contestando la proposta di rinviare l'incontro ad una ''Conferenza dei Servizi'' da effettuarsi giovedì prossimo, ritenendola una soluzione dilatoria.
 
Il sindaco di Salemi Biagio Mastrantoni, che ha accompagnato gli agricoltori nella trasferta a Palermo, spiega: ''La situazione si è messa male. Gli agricoltori, giustamente, non tollerano questi rinvii e temono che non si vogliano realmente affrontare i nodi della crisi. Come rappresentante delle Istituzioni ho il dovere di ricercare ulteriori spazi di dialogo perché si giunga al più presto ad una soluzione''.
 Gli agricoltori - adesso più di 40 -, appresa la notizia del fallimento dell'incontro a Palermo, hanno dichiarato: ''Un motivo in più per continuare questa occupazione pacifica. C'è da confidare adesso nello spirito di solidarietà di tutti gli agricoltori trapanesi perché maturino la consapevolezza della necessità di questa dura protesta e comprendano come non tutti hanno ancora capitola gravità di una crisi che rischia di lasciare senza reddito migliaia di famiglie. Ci appelliamo a tutti gli agricoltori perché in ogni comune, da Marsala a Poggioreale, da Buseto Palizzolo a Castelvetrano, facciano sentire la loro voce, con iniziative eclatanti ma sempre rispettose delle istituzioni e dell'ordine pubblico''.
 
Continua dunque l'occupazione della sala consiliare del Comune di Salemi.

Comune di Salemi

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

28 giugno 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia