Dove si viveva male... ora si vive peggio

A Enna, Palermo, Messina e Catania la qualità della vita è peggiorata rispetto a prima

30 dicembre 2013

Dopo la classifica del Sole 24 Ore (LEGGI) arriva quella compilata dall’Università della Sapienza e dal quotidiano Italia-Oggi. Una analisi accurata sulle province italiane che sostanzialmente ci dice che "dove si viveva male, ora si vive peggio".
Ben 59 le province che hanno fatto passi avanti: il Centro Nord, contro ogni previsione, migliora la qualità della vita, il Sud la peggiora. Infatti, nel gruppone di testa non c’è una sola provincia meridionale.

Le province siciliane stanno in coda, dove trovano la concorrenza della Calabria. Sono state analizzate nove macro-categorie (affari e lavoro, ambiente, criminalità, disagio sociale e personale, popolazione, servizi finanziari e scolastici, salute, tempo libero e tenore di vita), 21 sottodimensioni e 94 indicatori di base. I risultati sono in controtendenza per il Centro Nord: nonostante la crisi si sono registrati miglioramenti. Nel 2012 erano 42 su 103, le province italiane con una qualità della vita ritenuta buona o accettabile, nel 2013 il numero è aumentato, passando a 59 su 110. Un record nell’ultimo quinquennio.

Il Trentino Alto-Adige si conferma la regione italiana in cui si sta meglio. Il Sud e le Isole invece confermano la loro parabola negativa: sono 40 (il 36,3% del totale) le province in cui la qualità della vita è risultata scarsa o insufficiente: fanalino di coda le solite, Palermo, Foggia, Cosenza, Medio Campidano, Catania, Napoli, Trapani, Carbonia-Iglesias, Vibo Valentia, Enna e Crotone sono le ultime 10 province della classifica.
Quanto al tenore di vita (ritenuto insufficiente) nella parte bassa della classifica troviamo la provincia di Venezia (88esimo posto) che affianca le province del Sud e delle Isole (ultima Avellino, preceduta da Salerno, Reggio Calabria, Messina, Caserta, Cosenza, Trapani, Vibo Valentia, Catania e Enna).

Complessivamente, in base alla somma dei parametri, Crotone è la città in cui si vive peggio. Enna (109mo posto) ha perso dieci postazioni, come Vibo Valentia. 
Il 28,2 per cento della popolazione (quasi tre italiani su dieci) vive nelle province, tutte del Mezzogiorno, hanno un livello di vita insufficiente.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

30 dicembre 2013

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia