E alla fine ritrovarono l'unità

Cgil, Cisl e Uil hanno trovato un accordo contro la manovra: lunedì sciopero unitario di tre ore

07 dicembre 2011

Dopo la divisione, la sorpresa e l'irritazione (LEGGI), Cgil, Cisl e Uil hanno proclamato uno sciopero unitario contro la manovra di tre ore per lunedì 12 dicembre. E' quanto hanno deciso i tre segretari generali Susanna Camusso, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti durante un incontro nella sede della Uil. Si terranno anche presidi davanti alle prefetture e davanti alla Camera e al Senato "fino alla conclusione dell'iter parlamentare previsto per la manovra".

I tre sindacati confederali in una nota si dicono "preoccupati per le conseguenze che la manovra economica determina sui lavoratori dipendenti e pensionati e sulle prospettive di sviluppo del Paese", chiedono "un incontro al governo Monti per affrontare i problemi derivanti dalla manovra e per chiedere i necessari cambiamenti".
Cgil, Cisl e Uil chiedono anche un incontro a tutti i partiti per "sollecitare la presentazione di emendamenti nella fase della discussione parlamentare". Già, inoltre, hanno presentato "mendamenti comuni nel corso dell'audizione alle commissioni bilancio di Camera e Senato".
I lavoratori dei servizi essenziali, dei trasporti e i dipendenti pubblici di Cgil, Cisl e Uil non sciopereranno lunedì prossimo ma in un'altra data. Probabilmente incroceranno le braccia venerdì 16 dicembre per protestare contro la manovra varata dal Governo.
"Credo che anche il professor Monti debba cambiare opinione": così il segretario generale della Cgil Susanna Camusso ha commentato le affermazioni del presidente del Consiglio sulla quasi inemendabilità della manovra correttiva. "Il nostro obiettivo - ha detto Camusso uscendo dalla riunione con i leader di Cisl e Uil - è ottenere modifiche sulle cose più problematiche per lavoratori e pensionati".

E' la prima volta dopo oltre tre anni segnati da polemiche e divisioni, in particolare sulla trattativa con la Fiat, che le tre organizzazioni dei lavoratori indicono una protesta unitaria. Incomprensioni durate fino a pochi giorni fa quando Cisl e Uil avevano proclamato unilateralmente due ore di sciopero per lunedì e la Cgil quattro ore di sciopero per la stessa giornata. Al centro dell'opposizione dei sindacati sono in particolare l'intervento del governo sulle pensioni, l'aumento dell'Iva e più in generale la mancanza di equità della manovra, che colpisce "chi ha già dato".

[Informazioni tratte da ANSA, Repubblica.it, Corriere.it]

 

 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

07 dicembre 2011

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia