È morto Andrea Camilleri

Il Maestro di Vigàta, inventore del commissario Montalbano, si è spento questa mattina , a Roma

17 luglio 2019
È morto Andrea Camilleri

"Se potessi, vorrei finire la mia carriera seduto in una piazza a raccontare storie e alla fine del mio cunto passare tra il pubblico con la coppola in mano".

Andrea Camilleri è morto questa mattina (dopo essere stato ricoverato lo scorso 17 giugno all'ospedale Santo Spirito per un arresto cardiaco) e la sua carriera è terminata così come rispondeva lui a chi gli chiedeva come mai, a 93 anni, non si fosse ancora deciso ad andare in pensione.
Il fatto è che non si può smettere di fare ciò per cui si è nati, e il papà del Commissario Montalbano era nato per raccontare storie.

"La forma dell'acqua" il primo romanzo di Andrea Camilleri con protagonista il commissario Salvo Montalbano

Nel 1994 la casa editrice siciliana Sellerio portava in libreria "La forma dell'acqua", primo romanzo della serie incentrata sulle indagini del commissario siciliano. Romanzo dopo romanzo, ne sono usciti trenta.

Andrea Camilleri all'inaugurazione della statua in bronzo che raffigura il "suo" commissario Montalbano a Porto Empedocle

Sempre al vertice delle classifiche librarie, Montalbano deve il suo nome allo scrittore spagnolo Manuel Vazquez Montalban - che di Camilleri fu grande amico - e la sua longevità a Elvira Sellerio: avrebbe dovuto terminare la sua carriera con il secondo romanzo, "Il cane di terracotta", ma l'editrice richiamò lo scrittore per chiedergli quando sarebbe arrivato il terzo libro. Lui rispose mai, lei oppose il resoconto delle vendite. Fortunatamente per i lettori, l'ebbe vinta Sellerio e Camilleri continuò a raccontare le storie del burbero, geniale e straordinariamente umano commissario di polizia.

Andrea Camilleri e Luca Zingaretti, il volto televisivo del Commissario Montalbano

Un’invenzione, quella di Camilleri - parlerà sempre di Salvo Montalbano come se fosse vero e vivente, quasi un suo alter ego -, che ha determinato anche la fortuna turistica di una parte della Sicilia, teatro dei luoghi della trasposizione televisiva dei romanzi e che in onore del Commissario Montalbano e del suo creatore ha eretto monumenti e intitolato itinerari.

Andrea camilleri e la sua immancabile sigaretta

Una carriera lunghissima quella di Camilleri che, ovviamente, non si esaurisce nei romanzi di Montalbano. Nei suoi 93 anni ci sono state tanta letteratura, tanto teatro, tanta televisione e tanta politica civile.
Prima aiuto-regista di Orazio Costa dopo un turbolento apprendistato all'Accademia d'arte drammatica a Roma, e in seguito regista in proprio, oltre che per trent'anni funzionario Rai addetto alla prosa radiofonica e produttore in televisione di pièces teatrali.

Andrea Camilleri, in scena al Teatro Greco di Siracusa, con il suo ultimo spettacolo "Conversazione su Tiresia"

Quando parlava della sua vecchiaia, pur sottolineando le difficoltà di un corpo che non rispondeva più alla velocità della mente, non si lasciava mai andare a rimpianti o paure. Appariva sereno, la voce arrocchita dalle migliaia di sigarette fumate, i ricordi dell'infanzia nitidi davanti agli occhi. La chiamava presbiopia della memoria, diceva che con la vecchiaia l'infanzia precipitava addosso.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

17 luglio 2019

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia