EMERGENZA RIFIUTI. La Sicilia tra le quattro Regioni italiane che soffrono la ''crisi spazzatura''

05 dicembre 2007

Gestione ''arretrata'' dei rifiuti, ''grave emergenza'' in cinque regioni (Calabria, Campania, Lazio, Puglia e Sicilia), produzione boom con 32 milioni di tonnellate nel 2005 contro i 26 milioni del '96, ancora primato assoluto della discarica con il 54% dei rifiuti urbani raccolti. Intanto la raccolta differenziata divide l'Italia in tre con il 38,1% al nord, il 19,4% al centro e l'8,7% al sud. Grave il quadro sulla gestione dei rifiuti speciali e pericolosi: ''Ben 26 milioni sono scomparsi nel nulla nel 2004''. Commissariati per l'emergenza ''un fallimento costato 1,8 miliardi dal '97 al 2005''.
Questa la fotografia scattata in un dossier al centro dell'VII Congresso nazionale di Legambiente presentato lunedì scorso al convegno dal titolo ''Emergenza rifiuti, fuori dal tunnel - Le luci, le ombre e le proposte per superare la crisi''.

In particolare dal Congresso di Legambiente emergerebbe un'Italia con molte ombre e qualche luce. Ecco il pacchetto-immondizia che contraddistingue il nostro Paese:
Produzione: 32 milioni nel 2005 contro poco meno di 26 milioni nel '96.
Gestione: 54% dei rifiuti urbani prodotti finisce in discarica.
Raccolta differenziata: Italia a tre velocità. Nel 2005 il nord a 38,1% con punte record in Veneto con 47,7% e in Trentino Alto Adige con il 44,2%; il centro al 19,4% e solo in alcune aree allo standard del nord; il sud all'8,7%. Per le città, la prima su 103 capoluoghi di provincia è Novara con 66,9%, ultima con 1,8%. Milano è 43° con il 30,5%, Roma 64° con 16,2%, Napoli 94° con 6,1%.
Rifiuti pericolosi: 26 milioni di tonnellate scomparsi nel nulla nel 2004.

Ombre: in 4 anni la novità negativa più importante è il Codice ambientale (ora in revisione dall'attuale Governo); mancato avvio operativo per il sistema di raccolta dei rifiuti hi-tech; "incomprensibili proroghe" sul divieto di smaltire in discarica rifiuti indifferenziati non pretrattati, divieto previsto inizialmente dal 1° gennaio 2000.
Luci: crescita del numero dei comuni "ricicloni". Quelli con oltre il 35% di differenziata premiati nel 2007 sono stati 1.150 contro i 300 del 2000.

Emergenza: ancora in 5 regioni, Calabria, Campania, Lazio, Puglia e Sicilia. In Puglia e Sicilia il regime commissariale non è stato prorogato.
Commissariamenti: "Un fallimento da 1,8 miliardi di euro" spesi tra il 1997 e il 2005 senza alcun sostanziale miglioramento della gestione dei rifiuti.
Proposte: modifica del Codice ambientale; ecotassa con aumento dei costi smaltimento in discarica; raccolta porta a porta per spingere su differenziata; politiche e incentivi per riduzione di rifiuti e imballaggi; regime ordinario nelle regioni commissariate; premio economico all' attività dei Consorzi per il riciclaggio dei rifiuti.

- VIII Congresso Nazionale di Legambiente

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

05 dicembre 2007

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia