Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Falsi d'autore all'Università per studiare le tecniche messe a punto dai falsari

Le opere finiranno in un vero e proprio bunker che l' Università di Salerno ha appositamente realizzato

30 marzo 2004
I falsi d'autore saranno oggetto di studio all'Università di Salerno. Questo prezioso patrimonio consentirà a docenti e studenti, anche stranieri, di studiare le tecniche messe a punto dai falsari per rendere più realistica e somigliante l'opera. Alla presenza del Comandante dei Carabinieri per la Tutela dei Beni Culturali, generale Ugo Zottin, e del direttore del "Centro Studi sul Falso", Salvatore Casillo, è stata sottoscritta una convenzione grazie alla quale l' Ateneo custodirà mille esemplari, provenienti da indagini condotte a tappeto in tutt'Italia. Si tratta di quadri di Guttuso, Schifano, Cascella, Lampizzi e di pittori dell'800 napoletano. Vi sono inoltre diversi reperti archeologici tra cui vasi etruschi, statuette in bronzo, statue romane del I-II secolo d.C. tra cui una raffigurante Atena del peso di tre quintali.

Una produzione artistica e archeologica tutta rigorosamente falsa, sequestrata o confiscata, negli ultimi anni, dal Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale. Le opere sono state prese sotto la custodia dell'Università di Salerno che è il primo Ateneo a diventare "custode giudiziario" di un patrimonio così singolare. Ma perchè proprio l'Università di Salerno? In quest'Ateneo, dal 1988, sociologi, antropologi, archeologi, storici dell'arte, giuristi e letterati hano fondato un "Centro Studi sul Falso" che si è occupato di studiare il fenomeno scandagliando ogni minimo dettaglio.

Dopo i marchi di successo, la contraffazione dei detersivi, le bufale giornalistiche, e i libri taroccati, per citare solo alcuni casi esaminati, questa volta tocca ai falsi d'arte. Tra le opere consegnate figurano "La bicicletta" di Schifano che dall'esame degli esperti è risultato essere dissimile dall'originale per la tecnica definita dilettantistica e il "Nudo di donna" di Guttuso privo di qualsiasi elemento che lo possa ricondurre all'artista, dato che non corrisponde nemmeno la firma. L' obiettivo del Centro Studi è quello di creare un Museo appositamente dedicato ai falsi d' autore. Sono circa 223.050 i falsi sequestrati dal 1970 al 2003, secondo i dati del Comando dei Carabinieri per la Tutela dei Beni Culturali. Le opere finiranno in un vero e proprio bunker che l' Università ha appositamente realizzato.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

30 marzo 2004
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE