Giorgio Napolitano a Palermo

E' la terza visita che il Capo dello Stato fa nel capoluogo siciliano. Il presidente rimarrà fino a domani

08 settembre 2011

Palermo ospita oggi, per due giorni, il presidente della Repubblica. Giorgio Napolitano è alla sua terza visita ufficiale in città. Il 14 e 15 giugno del 2007 era stato all'Assemblea Regionale, dove si celebrava la prima seduta del Parlamento isolano. In quell’occasione intervenne anche con le Associazioni antimafia nel Giardino della Memoria. E proprio lì affermò che "per i più giovani il ricordo è qualcosa che deve essere appreso e tocca a tutti noi trasmetterlo". Trascorsero due anni e il Capo dello Stato fece ritorno a Palermo. Era il 23 maggio del 2009 e partecipò alle celebrazioni per la strage di Capaci. E nel suo discorso associò Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e Libero Grassi: uomini che hanno segnato in positivo la storia della Sicilia e dell’Italia, disse.
In questi due giornate siciliane Napolitano ha tre appuntamenti ufficiali cui si associeranno altri momenti di incontri che verranno resi noto soltanto all’ultimo momento anche considerando il delicatissimo momento politico che sta vivendo l’Italia e che Napolitano segue con estrema attenzione. Il tris di momenti ufficiali che si conoscono ha preso il via oggi con il suo arrivo all’Ars per partecipare all’incontro in cui si ricorderà uno dei padri costituenti della Regione siciliana, Giuseppe La Loggia, presidente della Regione tra il 1956 e il 1958. Poi toccherà al 25° convegno della Società italiana di scienza della politica dal titolo "Rifare gli italiani per stare in Europa", che si svolgerà alla Falcoltà di Ingegneria. Per finire asolterà la lectio magistralis di Lucio Villari sul Risorgimento.
Napolitano, visiterà anche Palazzo Steri, sede nel XVII secolo del tribunale dell'inquisizione spagnola in Sicilia, per visitare le carceri dell'edificio restaurato recentemente. Ad accogliere il Capo dello Stato ci saranno il rettore dell'Ateneo Roberto Lagalla, il prorettore vicario Ennio Cardona, il direttore amministrativo Antonio Valenti, la storica Giovanna Fiume, che illustrerà al presidente le testimonianze custodite nelle carceri, le cui celle sono coperte da graffiti e dipinti dei prigionieri, un monito unico al mondo contro le ingiustizie del potere. Presenti anche alcuni dei protagonisti del recupero dell'edificio seicentesco.
Domattina, invece, è in programma una visita privata alla basilica di San Domenico, seguita dalla lectio magistralis tenuta dallo storico Lucio Villari all'Istituto di storia patria.

In occasione della visita Napolitano, il traffico cittadino ha inevitabilmente subito alcune modifiche, con il divieto di sosta in vigore già da ieri sera in oltre trenta strade del centro. I divieti sono scattati nei pressoi di Palazzo dei Normanni, piazza Marina, piazza San Domenico e villa igea, dove sarà ospitato il presidente. Il transito dei veicoli, invece, sarà interdetto solo momentaneamente, nelle strade interessate dal passaggio del corteo presidenziale.

 

 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

08 settembre 2011

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia