Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

HABEMUS RATZINGER

Dopo quattro votazioni è stato eletto Joseph Ratzinger: Papa Benedetto XVI

20 aprile 2005

Ci sono volute solo quattro votazioni da parte dei 115 cardinali rinchiusi in conclave appena l'altro ieri. Alle 17.53, dal comignolo della Cappella Sistina, la fumata bianca, seguita dallo scampanio di San Pietro ha annunciato che il mondo habebat Papam
Dopo tre fumate nere, la quarta fumata bianca ci ha informato che il nome di Joseph Ratzinger ha raccolto almeno 77 preferenze, dato che nella prima fase delle votazioni per essere eletti è richiesta la maggioranza qualificata dei due terzi degli aventi diritto.
Un'elezione senza tante sorprese, visto che i nomi dei papabili più probabili, sono sempre stati quelli del cardinale bavarese Ratzinger e dell'italiano cardinal Martini, insomma un'elezione che ha nettamente smentito il detto "chi entra Papa in conclave ne esce cardinale".

Joseph Ratzinger, che adesso dobbiamo abituarci a chiamare Papa Benedetto XVI, è apparso alla finestra della loggia grande di San Pietro intorno alle 18.45.
Il cardinal Medina, il protodiacono della basilica Vaticana, si è affacciato verso la piazza ormai gremita di persone in festa pronunciando la frase di rito: ''Nunzio vobis, gaudium magnum, habemus Papam'', seguita dal saluto in italiano, spagnolo, francese, tedesco e inglese. Poi, ancora in latino, l'annuncio del cardinale eletto e il nome scelto in qualità di pontefice.
A questo punto, dai drappi rossi della tenda della loggia centrale della basilica, ha fatto capolino il nuovo Papa Benedetto XVI.
Una presenza composta e quasi pudica, una presenza quasi contrapposta all'esultanza della folla assiepata in piazza San Pietro e lungo via della Conciliazione. Una presenza molto differente dalla prima uscita di Karol Woityla.
''Cari fratelli e sorelle - ha salutato il nuovo pontefice - dopo il grande Papa Giovanni Paolo II i signori cardinali hanno eletto me, un semplice e umile lavoratore nella vigna del Signore. Mi consola il fatto che il Signore sa lavorare e agire anche con strumenti insufficienti e soprattutto mi affido alle vostre preghiere. Nella gioia del Signore risorto, fiduciosi del suo aiuto permanente andiamo avanti. Il Signore ci aiuterà, Maria sua Santissima Madre sta dalla nostra parte''.

Chi è Joseph Ratzinger
Il Cardinale Joseph Ratzinger, Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, Presidente della Pontificia Commissione Biblica e della Pontificia Commissione Teologica Internazionale, Decano del Collegio Cardinalizio, è nato in Marktl am Inn, in Baviera (Germania) il 16 aprile 1927. Il padre, commissario della gendarmeria, proveniva da una antica famiglia di agricoltori della Bassa Baviera.
Trascorsi gli anni dell'adolescenza a Traunstein, venne richiamato negli ultimi mesi del secondo conflitto mondiale nei servizi ausiliari antiaerei.
Dal 1946 al 1951(anno in cui, il 29 giugno, veniva ordinato sacerdote ed iniziava la sua attività di insegnamento) studiò filosofia e teologia nella università di Monaco e nella scuola superiore di Filosofia e Teologia di Frisinga.
Del 1953 è la dissertazione ''Popolo e casa di Dio nella Dottrina della Chiesa di Sant'Agostino'', con la quale si addottorava in Teologia. Quattro anni dopo otteneva la libera docenza con un lavoro su ''La Teologia della Storia di San Bonaventura''.

Conseguito l'incarico di Dogmatica e Teologia fondamentale nella scuola superiore di Filosofia e Teologia di Frisinga, proseguì l'insegnamento a Bonn, dal 1959 al 1969, Münster, dal 1963 al 1966, e Tubinga, dal 1966 al 1969.
In quest'ultimo anno divenne professore ordinario di Dogmatica e di storia dei dogmi nell'università di Ratisbona e Vice-Presidente della stessa università.
Intanto già dal 1962 acquistava notorietà internazionale intervenendo, come consulente teologico dell'Arcivescovo di Colonia Cardinale Joseph Frings, al Concilio Vaticano II, al quale diede un notevole contributo.
Tra le sue numerose pubblicazioni un posto particolare occupano l' ''Introduzione al Cristianesimo'', raccolta di lezioni universitarie sulla professione di fede apostolica, pubblicata nel 1968; ''Dogma e rivelazione'', un'antologia di saggi, prediche e riflessioni dedicate alla pastorale, uscita nel 1973. Ampia risonanza ottenne pure la sua arringa pronunziata dinanzi all'Accademia cattolica bavarese sul tema ''Perché io sono ancora nella Chiesa?'', nella quale affermava: ''Solo nella Chiesa è possibile essere cristiani e non accanto alla Chiesa''.
Del 1985 è il volume ''Rapporto sulla fede'', del 1996 ''Il sale della terra''.

Il 24 marzo 1977 Paolo VI lo nominava Arcivescovo di München und Freising. Il 28 maggio successivo riceveva la consacrazione episcopale, primo sacerdote diocesano ad assumere dopo 80 anni il governo pastorale della grande Diocesi bavarese.
Da Paolo VI creato e pubblicato Cardinale nel Concistoro del 27 giugno 1977, già del Titolo di S. Maria Consolatrice al Tiburtino, dei titoli della Chiesa Suburbicaria di Velletri-Segni (5 aprile 1993) e della Chiesa Suburbicaria di Ostia (30 novembre 2002).
È stato Relatore alla V Assemblea generale del Sinodo dei Vescovi (1980) sul tema: ''I compiti della famiglia cristiana nel mondo contemporaneo'', e Presidente delegato della VI Assemblea sinodale (1983) su ''Riconciliazione e penitenza nella missione della Chiesa''.
Il 25 novembre 1981 è stato nominato da Giovanni Paolo II Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede; Presidente della Pontificia Commissione Biblica e della Pontificia Commissione Teologica Internazionale.
Il 5 aprile 1993 è entrato a far parte dell'Ordine dei Cardinali Vescovi, del titolo della Chiesa Suburbicaria di Velletri-Segni.
Il 6 novembre 1998 è stato eletto Vice-Decano del Collegio Cardinalizio. Il 30 novembre 2002, il Santo Padre ha approvato l'elezione, fatta dai Cardinali dell'ordine dei Vescovi, a Decano del Collegio Cardinalizio.
È stato Presidente della Commissione per la Preparazione del Catechismo della Chiesa Cattolica, che dopo sei anni di lavoro (1986-1992) ha potuto presentare al Santo Padre il nuovo Catechismo.
Il 10 novembre 1999 è stato insignito della Laurea ad honorem in Giurisprudenza dalla LUMSA.
Dal 13 novembre 2000 è Accademico onorario della Pontificia Accademia delle Scienze. 

- L'omelia di Ratzinger, il testo integrale

- Joseph Ratzinger: Teologo, Intellettuale, ''Inquisitore''


- Le perplessità dei riformisti. I timori dei gay e delle donne

- www.ratzinger.it

www.ratzingerfanclub.com

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

20 aprile 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia