Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

I Lions ed i Comuni dell'Anci Sicilia insieme in nome del turismo

Firmato un protocollo di intesa che punta sul turismo accessibile, sulla rigenerazione delle periferie e sul turismo sanitario

07 dicembre 2021
I Lions ed i Comuni dell'Anci Sicilia insieme in nome del turismo
  • Hai un'attività che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Sviluppare l'idea di un turismo sostenibile per gli inabili, puntare alla rigenerazione urbana delle periferie e delle borgate siciliane, contribuire a creare un polo di "Salute & benessere" per sviluppare il turismo sanitario della Regione.

Sono questi i tre punti principali attorno a cui si sviluppa il protocollo di intesa tra Anci Sicilia e Lions Club International che prevede, a titolo gratuito, una forma di collaborazione, che coinvolga i territori e le istituzioni per creare accordi operativi tra i Lions e le amministrazioni comunali che lo vorranno.

Il documento, che è stato firmato a Palermo, si ispira al documento "Il coraggio di agire per vivere e non sopravvivere", elaborato dallo SKAL International Palermo e presentato a Travelexpo Borsa Globale dei Turismi, in occasione della Giornata Mondiale del Turismo, dedicata al turismo inclusivo dello scorso 27 settembre, e poi condiviso dal Lions International Distretto 108 YB.

Turismo accessibile

Primo obiettivo del protocollo è dunque puntare allo sviluppo di un "Turismo sostenibile ed accessibile" rivolto a persone a diverso titolo inabili. Un fenomeno rilevante, basti pensare che sono 127 milioni le persone con "Access Needs" in Europa, di cui 10 milioni in Italia. Un numero significativo e di rilievo anche per il mercato turistico che potenzialmente si raddoppia, visto che si tratta di turisti che non viaggiano da soli ma con parenti, amici e compagni di viaggio. Inoltre, sono turisti che fanno ogni anno più di una vacanza di oltre 10 giorni. Dunque un mercato in grado di generare un potenziale incremento del 20% del fatturato annuale.

Farm Cultural Parrk di Favara, un esempio di rigenerazione urbana

Il secondo punto riguarda la "Rigenerazione delle periferie". Rigenerazione e nuove generazioni da formare e contaminare verso il cosiddetto "turismo esperienziale" quale strumento di elevazione sociale e di microimprenditorialità produttiva. Una scelta opportuna anche per favorire il decentramento dei flussi turistici dai centri storici verso le periferie.

Terme Acqua Pia, Montevago

Ultimo punto è ispirare un polo di "Salute & Benessere". Già in passato si è parlato in Sicilia di "turismo sanitario". Una definizione piuttosto infelice che, al pari della cosiddetta destagionalizzazione, è sempre rimasta al palo. Ora invece questo polo potrebbe costituire la nuova frontiera di un'offerta turistica più qualificata di fascia medio-alta in cui potrebbero anche riemergere le terme di Acireale, Sciacca, Termini Imerese, ma anche quelle minori. Un modo per mettere a sistema alcune strutture sanitarie puntando sulla qualità della vita e su una ricettività di qualità.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

07 dicembre 2021
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE