I maestri gelatieri giapponesi vincono lo Sherbeth Festival

A Palermo, al concorso mondiale Gelato del Mediterraneo dello Sherbeth ha vinto il Sol Levante

03 ottobre 2017
I maestri gelatieri giapponesi vincono lo Sherbeth Festival

[Articolo di Elena Cozzella - Repubblica/Sapori.it] - I maestri gelatieri giapponesi fanno strike e si aggiudicano il primo posto ex aequo al Concorso Internazionale Gelato del Mediterraneo "Procopio de' Coltelli", nato nell'ambito dello Sherbeth Festival di Palermo nel 2008 e dedicato a Francesco Procopio Cutò, maestro francese di origini palermitane che, nel suo Cafè "Le Procope" di Parigi, fece conoscere le sue specialità ai fiori di anice e cannella esportando per la prima volta il tradizionale gelato siciliano nel mondo.
Il premio, conteso da oltre 45 gelatieri da tutto il mondo, è stato assegnato a Satoshi Takada della gelateria "Risunomori" di Hokkaido con il suo eccentrico gusto "naghi" (tè matcha, miele di manuka con sentori di passito di Pantelleria in omaggio all'Isola che ospita la manifestazione) e, a pari merito, a Taizo Shibano della gelateria "Malga Gelato" di Nonoichi grazie a un sorbetto di ananas, sedano e mela ("un'esplosione di freschezza che guarda alla salute di corpo e anima" dice il suo ideatore). Entrambi i gusti si distinguono per assenza di grassi e l'attenzione agli ingredienti: leggeri, ricchi di vitamine e antiossidanti e si immettono nel filone salutista che da sempre caratterizza la cucina dall'estremo Oriente.

Da destra a sinistra: i vincitori Taizo Shibano e Satoshi Takada; il secondo Alfonso Jarero (Messico); la medaglia di bronzo Stefano Ferrara (Italia).

"Adesso che i giapponesi, da sempre attenti a gusti, estetica e salute, padroneggiano anche la tecnica - ha detto il presidente della giuria lo spagnolo Angelo Corvitto, considerato maestro dei maestri e autore di fondamentali volumi sull'argomento - la concorrenza per gli europei si fa decisamente ardua".
Secondo classificato il Messico, con il gusto "me late il corazon" (cioccolato 64% e succo di lampone) di Alfonso Jarero, mentre la medaglia di bronzo è andata al gusto "stragianduia" di Stefano Ferrara del Pinguino Gelateria Naturale di Roma.
La giuria popolare, invece, ha premiato la golosità e la tradizione: Medaglia d'oro per il caramello salato al sale nero di Cipro della gelateria Cioccolatte; Argento per il pistacchio di Bronte realizzato dalla gelateria Musumeci di Randazzo e Bronzo, infine, per il gelato "ingauno", una crema di noce di macadamia e frutti di bosco dell'entroterra ligure preparata dalla gelateria "La casa del gelato".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

03 ottobre 2017

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia