Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

I week end con la benzina scontata

Il taglio dei prezzi per il fine settimana annunciato da Eni scatena la "guerra degli sconti" con i competitor

18 giugno 2012

Eni con Iperself, Esso con Selfpiù e Q8 con q8easy (ma non solo). E' iniziata così, lo scorso week end, la "guerra degli sconti" dei carburanti. All'annuncio di giovedì scorso da parte di Eni (benzina e diesel rispettivamente a 1,600 e 1,500 euro/litro su circa 3mila punti vendita, da sabato alle 13.00, alla mezzanotte della domenica), finora hanno risposto solo Q8 ("sconto persino superiore per entità e durata") ed Esso (almeno -21 cent euro/litro rispetto al prezzo provinciale consigliato servito, da sabato alle 13.00 fino all'apertura di lunedì).

Secondo il monitoraggio di Quotidiano Energia, l'iniziativa è partita in maniera diffusa ed efficace sui punti vendita Q8, sia a marchio Q8easy sia su alcuni impianti tradizionali, e fin dal primo mattino di sabato, battendo sul tempo Eni e con prezzi più bassi del market leader a 1,495 e 1,595 euro/litro per benzina e diesel sulla linea easy e 1,500 e 1,600 su quella tradizionale. Subito code agli impianti Q8 (interessati qualche centinaio). Ben movimentata anche Esso: prezzi minimi benzina a 1,595 euro/litro e 1,495 per il diesel (anche in questo caso alcune centinaia di impianti). All'ora di pranzo di sabato, invece, alla chiusura degli impianti tradizionali, Eni ha mostrato il nuovo listino a 1,5 euro per il diesel e 1,6 euro per la benzina.
Qe ha rilevato code su tutto il territorio e soprattutto reazioni da parte dei competitor più tradizionalmente aggressivi. Le no-logo hanno praticato da subito prezzi simili (1,499 e 1,599 euro/litro) in ogni caso molto competitivi ed anche la gdo in alcuni casi si è difesa senza esitazione. Il risultato a tutto vantaggio dei consumatori, che hanno fatto il pieno a prezzi ridotti. E secondo gli addetti ai lavori, la prossima settimana arriveranno nuove contromosse dal mercato.
Tuttavia sulla rete i consumatori hanno registrato alcuni disservizi, a cominciare dal nord est, dove in diversi comuni lo sconto è inferiore perché il diesel costa già poco meno di 1,6 euro al litro. Qualche problema anche nelle grandi città: a Milano, per esempio, solo 11 dei 25 distributori Eni aderiscono all'iniziativa, pochi quelli vicini all'autostrada e nessuno in centro.

In questo scenario inevitabile congelamento dei prezzi raccomandati e sostanziale tranquillità anche per quelli praticati sul territorio in modalità servito, con eccezione delle no-logo che in molti casi utilizzano solo questa modalità e hanno applicato prezzi concorrenziali verso le iniziative self. I prezzi medi nazionali sul servito intanto restano a 1,821 euro/litro per la benzina, 1,708 per il diesel e 0,811 per il gpl. Punte massime per la benzina sotto a 1,900 euro/litro (1,898), diesel a 1,746 e gpl 0,840.
Più nel dettaglio, a livello paese il prezzo medio praticato della benzina (sempre in modalità servito) va dall'1,812 euro/litro di Eni all'1,821 di Tamoil (no-logo in discesa fino a 1,694). Per il diesel si passa dall'1,702 euro/litro di Eni e q8 all'1,708 sempre di Tamoil (no-logo giù a 1,563). Il gpl infine è tra 0,781 euro/litro di Eni e 0,811 di Tamoil (no-logo a 0,770). In modalità self service prezzi medi nazionali 1,755 euro/litro per la benzina e 1,662 per il diesel, con punte minime rispettivamente di 1,593 e 1,495 e massime di 1,835 e 1,705. [Fonte: Repubblica Economia&Finanza]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

18 giugno 2012
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia