Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Ieri la protesta di 30 mila lavoratori agricoli, in piazza nelle nove province siciliane

Una protesta per chiedere il riordino del settore e l'abolizione del tetto alla ds agricola

05 novembre 2005

Migliaia di lavoratori agricoli e forestali sono scesi in piazza ieri mattina nelle nove province della Sicilia per chiedere l'abrogazione del tetto alla disoccupazione agricola speciale e la riforma della previdenza del settore. Secondo le stime di Flai, Fai e Uila, a Palermo hanno protestato in 4 mila davanti la presidenza della regione in attesa di un incontro col presidente, Salvatore Cuffaro. Rallentamenti del traffico sulle Palermo- Sciacca, Palermo-Catania e Palermo-Trapani,  dove si sono concentrati gruppi di lavoratori con l'intento di spiegare agli automobilisti le ragioni dello sciopero.
A Catania, la protesta ha coinvolto 1.500 persone e i sindacati , in un incontro in Prefettura, hanno anche sollecitato il riconoscimento ai lavoratori dei benefici dello stato di calamità.
Corteo con 2.000 lavoratori agricoli a Siracusa ed Agrigento. La stima complessiva di Fai, Flai e Uila è di 30 mila partecipanti nelle varie piazze siciliane.

''Al presidente della regione - dice il segretario generale della Flai Cgil siciliana, Salvatore Lo Balbo - chiediamo di prendere una posizione nei confronti del governo nazionale per l'abrogazione del tetto alla ds agricola e di sostenere le nostre richieste di ritiro dell'emendamento del governo sulla previdenza e di apertura di un tavolo per il riordino del settore. Come dimostra l'alta partecipazione alle manifestazioni- aggiunge l'esponente della Cgil - sono problemi che riguardano in modo particolare il mezzogiorno che sarebbe l'area del paese più penalizzata dai provvedimenti del governo''.

Il presidente della Regione, Salvatore Cuffaro, incontrerà giovedì prossimo i sindacati, per discutere dei problemi dei lavoratori del comparto agricolo.
La notizia è stata data dalla Flai Cgil regionale al termine di un vertice in Prefettura . E' stata proprio la mediazione del prefetto, Giosuè Marino, a far giungere a uno sbocco una situazione che rischiava di appesantirsi dopo l'indisponibilità manifestata da Cuffaro a incontrare i sindacati. ''Resta ovviamente - dice Lo Balbo - lo stato di agitazione della categoria. Al presidente della Regione - aggiunge - chiediamo un intervento sul governo nazionale per fargli comprendere i prezzi che pagherebbero in Sicilia i lavoratori agricoli col taglio della disoccupazione speciale e senza un'adeguata riforma del sistema di previdenza. E per ottenere - conclude - una inversione di rotta''.

Sugli stessi temi lunedì la protesta si riproporrà su scala nazionale.

INFO
Flai Cgil Sicilia
Via Ercole Bernabei, 22 - 90145 Palermo
Tel +039.091.225594 / fax +39.091.6811381
email:
flai.sicilia@mail.cgil.it
www.cgil.it/flai.sicilia/

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

05 novembre 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia