Il 50% dei giovani catanesi non lavora. Secondo la Cisl il dato sulla disoccupazione è doppio rispetto al resto del Paese

29 luglio 2010

Disoccupazione giovanile pari circa al 50 per cento e forte dispersione scolastica (- 37,5 per cento a livello regionale) con Catania città a più alto rischio assieme a Palermo e Trapani.
Sono i dati di un "quadro sociale allarmante" scaturiti da una analisi sulla situazione giovanile di Catania compiuta dall'Associazione Giovani della Cisl etnea. Il dato sulla disoccupazione a Catania è quasi doppio rispetto al resto del Paese, dove, secondo le cifre fornite dall'ultimo rapporto Cnel, il tasso di disoccupazione under 25 il 29,2 per cento.
Invece, a Catania, un giovane sotto i 24 anni su due non lavora. Un dato che, secondo il sindacato, fa emergere un "fortissimo disagio per la crescita del territorio e nasconde spesso un elevatissimo fenomeno di lavoro nero".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

29 luglio 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia