Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Il biologico siciliano

Coldiretti Sicilia chiede alla Regione che si faccia chiarezza sui fondi per l'agricoltura biologica

09 febbraio 2016

"Oltre 280 mila ettari di cui più di 41 mila seminati a cereali, quasi 9.000 produttori esclusivi. Sono alcuni numeri che rendono la Sicilia prima assoluta a livello nazionale nel comparto biologico. Un primato che gli imprenditori agricoli hanno definito da anni con scelte consapevoli e che oggi sta offrendo lavoro anche nel settore della trasformazione e in quello commerciale visto che fino a qualche anno fa di tutte le produzioni biologiche nell’Isola non rimaneva nulla".
Lo rileva Coldiretti Sicilia, "allarmata - spiega in una nota - dal blocco dei pagamenti deciso dalla Regione delle somme assegnate con il bando del Programma di sviluppo rurale 2007-2013 e dalla presunta richiesta di restituzione che sta rimbalzando da più parti dopo l’ordinanza di esecuzione del Tar causata da un ricorso da parte di chi non è entrato in graduatoria".

Per Coldiretti Sicilia si tratta di "una storia sconcertante", emersa anche da alcuni servizi giornalistici in cui "si evidenzia solo un rimpallo di responsabilità di cui certo non possono pagare le conseguenze gli imprenditori e per questo - affermano il presidente e il direttore, Alessandro Chiarelli e Prisco Lucio Sorbo -. Chiediamo un intervento chiarificatore dell’Assessore regionale dell’agricoltura che rassicuri tutti gli operatori".

"Questa è una vicenda che non riguarda solo il settore agricolo - aggiungono -. Questa è un’emergenza sociale in considerazione delle aziende che hanno ricevuto somme determinanti per l’attività e adesso sono in attesa di quelle dell’annualità 2015. Quindi, non solo ancora questi soldi non arriveranno, ma giunge la doccia fredda della presunta restituzione delle annualità percepite. E’ inoltre bene ribadire che non si tratta di contributi bensì di compensazioni per i maggiori costi e il minor reddito determinati dalla conversione in biologico". "Gli imprenditori hanno ottemperato a tutti gli impegni richiesti dalla normativa e quindi non è concepibile imputare loro qualsiasi responsabilità e conseguenza. L’assessore sciolga questi nodi e restituisca la serenità agli operatori", concludono.

L’assessore regionale all’Agricoltura, Antonello Cracolici, assicura che sono pronti quasi 7 milioni di euro per sbloccare i pagamenti di AGEA (Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura) e dare così una boccata d’ossigeno agli agricoltori siciliani.
Priorità alle imprese agricole che hanno terminato i lavori per gli investimenti e che hanno avuto il riconoscimento delle spese sostenute.

Nel dettaglio, sono in fase di accreditamento 6.874.333 euro per l’impegno di spesa di un anticipo sul cofinanziamento regionale del Piano di Sviluppo Rurale, per l’esercizio finanziario 2016. "Con questi 7 milioni di euro circa trasferiti all’Agea, che con i cofinanziamenti nazionali ed europei diverranno oltre 50 milioni utilizzabili per il pagamento di pendenze spettanti agli agricoltori siciliani, relative ad attività già rendicontate a fine anno ma non ancora erogate - afferma Cracolici -, potranno essere liquidate le spettanze anche per le indennità spettanti per il bando sulla compensativa per il 2014".

[Informazioni tratte da Coldiretti Sicilia, SiciliaInformazioni.com, €conomiaSicilia - Italpress.com]

- Il boom del biologico (Guidasicilia.it, 10/01/15)

- I fondi per il biologico siciliano (Guidasicilia.it, 11/01/16)

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

09 febbraio 2016
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia