Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Il Cantiere navale di Palermo chiuso da gennaio?

L'allarme della Cisl: "Una nuova scure per un Sicilia in profondo stato di crisi"

19 ottobre 2012

E' partito il conto alla rovescia per il Cantiere navale di Palermo, che nel prossimo gennaio potrebbe veder scorrere la parola fine sui titoli di coda della propria esistenza.
La denuncia è della Cisl. Il sindacato rende noto che "i bacini galleggianti da 19 mila e 52 mila tonnellate si stanno irreparabilmente deteriorando mentre le piccole commesse, entro poche settimane, saranno ormai al traguardo". Così, da gennaio il sito per eccellenza dell'industria di Palermo, che vide la luce per iniziativa della famiglia Florio nel lontanissimo 1897, "rischia il fermo totale". Con grave danno, denunciano Cisl e Fim Cisl regionali e provinciali, per l'economia della regione, della città e per i 500 addetti, il 25% dei quali è già ora in cassa integrazione.

Per questo il sindacato chiede un cambio di passo nella vicenda bloccata in un "incomprensibile ginepraio di inadeguatezza e contenziosi legali. Che vede protagonista una società leader mondiale nella cantieristica delle navi da crociera, come Fincantieri. Ma che stranamente ha visto pure, qualche mese fa, la commissione appaltante regionale ritenere Fincantieri non idonea all'appalto per la ristrutturazione del più grande dei bacini. L'altro appalto, per il bacino da 19 mila tonnellate, è stato vinto dalla triestina Cimolai con un ribasso altissimo contro cui Fincantieri ha fatto ricorso".
Il timore per il sindacato riguarda proprio la ristrutturazione da 55 milioni di investimento che "rischia di tradursi nel canto del cigno del Cantiere, costretto in un binario a scartamento ridotto".

"Palermo e la Sicilia non possono permetterselo", scrive la Cisl, che si rivolge al Comune e alla Regione proprietaria dei bacini, oltreché all'azienda. "Al governo che si insedierà dopo le elezioni - scrive - chiediamo che non si comporti con l'indifferenza e la leggerezza del passato, ma che si adoperi fattivamente per garantire l'esistenza del Cantiere, in primo luogo attraverso la soluzione dei contenziosi in atto". Dal sindaco Orlando Cisl e Fim si attendono "un impegno forte come già in passato, per la salvaguardia del polmone produttivo di cui vive la disastrata realtà industriale di Palermo". A Fincantieri, così come al governo regionale, sollecita "ragionevolezza affinché i contenziosi in piedi siano al più presto chiusi".

[Informazioni tratte da Adnkronos/Ign, Corriere del Mezzogiorno]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

19 ottobre 2012
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia