Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Il Castelloammare di Palermo diventerà un vero e proprio parco archeologico-monumentale

Al via la gara d'appalto per il recupero di uno dei gioielli di Palermo

06 agosto 2005

Un prezioso frammento di storia incastonato fra la ''vecchia'' Palermo e il suo golfo. Il Castello a Mare, complesso architettonico fra i più antichi e suggestivi della città, si prepara a riprendersi la scena del fronte a mare, dopo anni trascorsi ''dietro le quinte''.

Va in gara d'appalto, infatti, il progetto che prevede la creazione di un vero e proprio parco archeologico-monumentale. Il bando pubblicato dal Comune di Palermo scadrà alle ore 12 del prossimo 15 settembre, termine ultimo entro il quale le ditte interessate dovranno far pervenire le offerte tecniche ed economiche.
L'importo complessivo, finanziato nell'ambito del Pit ''Palermo capitale dell'Euromediterraneo'' (il Piano integrato territoriale del capoluogo siciliano), è di 5 milioni e 164 mila euro. La sola base d'asta ammonta a 3 milioni e 614 mila euro.
L'opera di recupero punta a far riemergere, attraverso una nuova campagna di scavi, i resti delle strutture murarie del maschio arabo (già parzialmente visibili).
Saranno restaurate le parti superstiti si ripristinerà, inoltre, la vista sul mare, con l'eliminazione di alcuni capannoni industriali.

I lavori, progettati dalla Soprintendenza regionale ai Beni culturali e ambientali, avranno una durata di 24 mesi dal giorno di apertura del cantiere e partiranno dopo l'aggiudicazione della gara e la stipula del relativo contratto d'appalto.
Il parco archeologico del Castello a mare rappresenterà, inoltre, lo spunto per creare un percorso didattico guidato, con strumenti di orientamento su base informatica e postazioni informative lungo il percorso che sarà realizzato all'interno del complesso monumentale.

Il Castello a mare o Castello San Pietro è stato il primo baluardo difensivo della città di Palermo. Fu sede dei vicerè e dell'inquisizione domenicana. Negli anni 20 fu parzialmente demolito per far posto al porto. Si presentava come una grande fortezza con influenze arabe, quindi normanne e con palazzi adiacenti rinascimentali.

- ''Il Castello a mare di Palermo (Castelloammare)'' Almanacco Siciliano Grifasi

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

06 agosto 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia