Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Il Consorzio universitario di Noto si impegna nell'archeologia siciliana

Firmato un accordo tra Regione Siciliana e il Consorzio Universitario Mediterraneo Orientale

07 febbraio 2022
Il Consorzio universitario di Noto si impegna nell'archeologia siciliana
  • Hai un'attività che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Il Consorzio Universitario Mediterraneo Orientale (CUMO) di Noto, entra sempre di più nel territorio per "un approfondimento maggiore di discipline per i suoi studenti, non ultimi quelli iscritti alla facoltà di Archeologia”.

Parco archeologico di Neapolis, Siracusa

"Attraverso una convenzione con l'assessorato regionale ai Beni Culturali, è stata firmata una convenzione tra l'Università di Noto ed il Parco archeologico di Siracusa, Eloro, Villa del Tellaro e Akrai per la conduzione di ricerche archeologiche e progetti di valorizzazione dell'area della Villa Romana di Borgellusa ad Avola", afferma una nota del consorzio.

Consorzio Universitario Mediterraneo Orientale (CUMO) di Noto

Sarà tutto in linea con lo statuto del Cumo che ha l'obiettivo di promuovere la ricerca e la valorizzazione del territorio e che con apposita convenzione con l'Università di Messina, ha presso la propria sede di Noto, accreditata al MIUR, le lauree triennali in Scienze della Formazione e della Comunicazione; in Scienze e Tecniche Psicologiche; il Corso in Archeologia e territorio; infine il corso magistrale in Psicologia e Neuroscienze Cognitive.

La Villa Romana di Borgellusa ad Avola

"La cooperazione tra i due enti ha come scopo la promozione, la formazione e la ricerca scientifica sul patrimonio culturale, e di pianificare progetti di ricerca, valorizzazione e fruizione, cercando anche di trattare tematiche emozionali e psicologiche sulla popolazione a contatto con l'area archeologica - dice il presidente del Cumo, Rosario Pignatello - Il fine dell'accordo è quello di realizzare progetti didattici sulla Villa Romana di Borgellusa (Avola) e di ricerca con attivazione di laboratori, di progetti di indagine archeologica nonché l'uso reciproco di mezzi e strumentazione utili alla ricerca archeologica ed elaborazione comune di pubblicazioni scientifiche. nonché di divulgazione dei risultati tramite seminari e convegni".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

07 febbraio 2022
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia