Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Il ''deserto'' siculo... Il 43% del territorio regionale corre un rischio desertificazione ''molto elevato''

14 aprile 2008

Poco meno della metà (il 43,22%) del territorio siciliano corre un rischio "molto elevato" di desertificazione mentre per il 30,79% il rischio sarebbe "elevato", di conseguenza solo lo 0,25% del territorio isolano corre un rischio "basso". Le zone più sensibili sono quelle delle province di Enna, Caltanissetta e Trapani.

Questi dati sono stati resi noti nel corso del seminario "Problematiche di desertificazione in Sicilia e metodologie di individuazione delle aree vulnerabili" che si è svolto nei giorni scorsi a Palermo nella sede di Confindustria Sicilia, nell'ambito del progetto comunitario "Priamo" (finanziato dall'Assessorato regionale al Lavoro nell'ambito del Por Sicilia 2000-2006) finalizzato alla maggiore conoscenza delle criticità geologiche del territorio siciliano e che ha fra i suoi obiettivi anche la formazione di quindici giovani geologi.

Ad illustrare lo studio è stato Giovanni Arnone, dirigente del servizio assetto del territorio e difesa del suolo dell'Assessorato regionale Territorio ed ambiente.
"Le cause della desertificazione - ha detto Arnone - sono molteplici, in parte naturali ed in parte determinate dalle attività umane. Fra le cause naturali ci sono le caratteristiche geologiche e podologiche della Sicilia, la copertura vegetale, i cambiamenti climatici e gli eventi estremi come la siccità e le alluvioni". "A questo - ha aggiunto - si potrebbe porre rimedio se l'attività dell'uomo fosse finalizzata a ridurre questi fenomeni. Purtroppo, invece, ad aumentare il rischio di desertificazione di una parte così ampia dell'isola (complessivamente fra rischio elevato e molto elevato si parla di oltre il 70% della Sicilia a rischio) c'è proprio l'intervento dell'uomo: la deforestazione, l'abbandono delle aree marginali e la concentrazione delle attività produttive nelle zone costiere, gli incendi, l'errato utilizzo delle risorse idriche e la salinizzazione".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

14 aprile 2008
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE