Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Il fuoco di Olimpia andrà in Tibet

La torcia olimpica passerà per Lhasa, capitale del Tibet, sabato 21 giugno

19 giugno 2008

Alla fine la fiaccola olimpica passerà per il Tibet, e precisamente per le vie dalla sua capitale, Lhasa, sabato 21 giugno.
A deciderlo è stato il Bocog, il Comitato organizzatore dei Giochi di Pechino. Dopo le modifiche nel programma della staffetta in seguito al terremoto nella regione del Sichuan, la torcia sarebbe dovuta arrivare lunedì scorso nel Tibet e restarci per tre giorni. Invece, dopo l'arrivo nella regione dello Xinjiang la fiaccola passerà a Lhasa sabato prossimo e vi rimarrà un solo giorno, sorvegliata nel suo tragitto da misure di sicurezza eccezionali per evitare incidenti.
Nei giorni scorsi un gruppo di esuli tibetani aveva chiesto l'annullamento del passaggio della torcia nel timore di nuove violenze. Le autorità cinesi, in particolare i dirigenti della Regione autonoma del Tibet, erano contrari. Anzi, per loro il passaggio della fiaccola da Lhasa era diventato un punto d'onore, un modo per dimostrare che la situazione è sotto controllo e si è tornati alla normalità (LEGGI).

La torcia l'altro ieri è approdata a Urumqi, capitale della regione dello Xinjiang, per la prima delle quattro tappe in quella che è una delle regioni più complesse della Cina. Teatro di violenze separatiste e culla dei fondamentalisti islamici uighuri, lo Xinjiang non si è mai rassegnato alla dominazione degli han e il passaggio della fiaccola olimpica è stata occasione per dimostrare - pacificamente - l'ostilità di questa minoranza.
Il timore di attentati ha spinto le autorità a chiudere quasi tutto il centro di Urumqi e una fitta serie di posti di blocco ha limitato i movimenti in un'area altrimenti molto vivace. Nella piazza del Popolo, dove l'accesso era controllato con perquisizioni e metal detector, si sono ritrovate circa tremila persone, quasi tutti han, che hanno salutato il passaggio della fiaccola con slogan come "Viva la Cina" e "Viva le Olimpiadi".

Ieri la torcia olimpica ha attraversato le strade di Kashgar, antica città della Via della Seta ai confini con il Pakistan e l'Afghanistan e roccaforte del nazionalismo uighuri. Il primo tedoforo è partito dalla piazza dell'antica moschea Id Kah, la più grande della Cina. Poca la gente per strada, anche qui quasi tutti han che hanno festeggiato con coreografie ben orchestrate il passaggio dei tedofori, scortati da 40 agenti con maglietta blu e guanti neri. La comunità islamica, che rappresenta più di metà della popolazione, era rappresentata solo da alcuni leader e dai bambini nei costumi tradizionali. Negozi chiusi, strade semideserte e polizia ovunque a vigilare contro il pericolo di attentati, dopo l'allarme per possibili azioni di militanti islamici che puntano a creare lo Stato indipendente del Turkestan orientale. [Repubblica.it]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

19 giugno 2008
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE