Il giallo archeologico della Venere di Morgantina

Potrebbe tornare a casa entro pochi mesi dal Paul Getty Museum di Malibu

03 agosto 2001

Da molti anni è esposta nelle sale del museo di Malibu, in California, ma proverrebbe dagli scavi archeologici di contrada San Francesco a Morgantina, in Sicilia, la stupenda Afrodite datata al quinto secolo avanti Cristo.

La sua storia è comune a tante altre opere di grande valore svanite nella voragine del traffico clandestino di reperti archeologici: alla fine degli anni '70 la Venere viene scoperta da alcuni tombaroli che ne portano alla luce il busto, i piedi ed il braccio sinistro. Il panneggio in tufo viene ricostruito da un falsario laziale.

La statua marmorea approda quindi a Londra, in mano ad alcuni antiquari specializzati, che la acquistano per 400 mila dollari dal ticinese Renzo Canavesi; i londinesi la rivendono quindi all'attuale detentore, il Paul Getty Museum di Malibu, per 10 milioni di dollari.

E proprio il Canavesi, oggi ottantenne, è stato condannato per ricettazione dal Tribunale di Enna a due anni di carcere ed al pagamento di 40 miliardi di multa.

Questa condanna nonché l'accordo raggiunto a giugno tra i responsabili del Nucleo di Tutela del Patrimonio Storico dell'Arma, il direttore del ministero dei Beni culturali e i funzionari del Paul Getty Museum, per il rientro in Italia di 50 reperti, tra cui statua di Morgantina, farebbero sperare di rivedere entro l'anno la Venere a casa sua.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

03 agosto 2001

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia