Il ministro Alfano difende il "suo" lodo ma...

... la maggior parte degli italiani è contraria all'immunità parlamentare e alla sospensione dei processi per il premier e per le alte cariche dello Stato durante il loro mandato.

21 ottobre 2010

"Stiamo lavorando a una riforma della Costituzione che va scritta con la dovuta ponderatezza, e noi crediamo di poter portare a compimento un buon lavoro che abbia come scopo quello di rendere più giusto il processo italiano, più funzionante la giustizia, più garantiti i cittadini, autonomi e indipendenti i magistrati giudicanti e inquirenti". Il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, a margine dell'assemblea dell'Unione delle Province italiane (Upi) a Catania, ha parlato del lodo costituzionale che porta il suo nome.
"La nostra riforma della giustizia non avrà nessuna istanza di ritorsione nei confronti della magistratura - ha aggiunto il Guardasigilli -, come la sinistra pregiudizievolmente afferma, e noi ribadiremo, e se possibile rafforzeremo, l'autonomia e l'indipendenza della magistratura, sia inquirente sia giudicante, in un quadro di maggiore efficienza del sistema, di maggiore effettiva parità tra accuse e difesa e di un contesto in cui ad un organo più indipendente e meno corporativo non legato ai giochi di corrente della magistratura potrà essere anche esercitata la giustizia disciplinare".
Alfano ha poi sottolineato la posizione di Fli: "Non è una novità, Futuro e libertà è stato coerente con ciò che aveva sempre detto: la tutela della serenità dello svolgimento delle funzioni di alcune alte cariche che è un valore riconosciuto anche dalla Corte costituzionale, e in questo senso riteniamo di aver seguito la strada che il Parlamento aveva tracciato, cioè la legge che aveva e ha un valore transitorio, il cosiddetto legittimo impedimento, nelle more della quale si potrà approvare una legge costituzionale che affermi un principio che è presente in tanti altri ordinamenti stranieri".

Il ministro è stato contestato da alcuni consiglieri provinciali nel corso del suo intervento all'assemblea nazionale dell'Upi. Quattro i consiglieri, tutte donne, che hanno alzato un cartello con scritto 'Vergogna' per protestare contro l'approvazione in Commissione del lodo. "Questa assemblea - ha detto Rita Corda (Pd), consigliere provinciale di Cagliari, una delle amministratrici della protesta - c'è sembrata una occasione per dimostrare tutto il nostro dissenso. Abbiamo diritto a governanti onesti. Pur condividendo che i politici godano di una 'sospensiva' fino a quando sono in carica, non possiamo essere d'accordo con questo provvedimento con il quale Berlusconi afferma di volersi difendere da un altro potere dello Stato, che è la magistratura".
Il ministro Alfano quando ha visto che alcune hostess presenti in sala si sono messe davanti al cartello per coprirlo e impedirne la vista, ha invitato i consiglieri provinciali a farlo vedere dicendo: "Non vergognatevi ad alzare il cartello". Oltre a Rita Corda, le contestatrici erano un'altra consigliere provinciale di Cagliari, Mariangela Pedditzi (Rifondazione comunista), e due consiglieri provinciali di Pisa.

Ma tre italiani su quattro non vogliono l'immunità parlamentare - La grandissima maggioranza degli italiani è contraria alla reintroduzione dell'immunità per i parlamentari e, seppur in misura minore, alla sospensione temporanea dei processi per il premier e per le alte cariche dello Stato durante il loro mandato.
Nell'indagine condotta dall'Istituto Demòpolis per la trasmissione Otto e mezzo condotta da Lilli Gruber, il 75% degli italiani si è espresso in maniera negativa sull'immunità parlamentare, sottolineando - in maniera meno generalizzata - la contrarietà (57%) anche allo scudo giudiziario, visto con favore da appena un terzo dei cittadini intervistati dall'Istituto Demòpolis.
Il 54% degli italiani ha fiducia nella Magistratura, che resta una delle poche istituzioni del Paese verso cui i cittadini esprimono un consenso piuttosto elevato. Un dato lontano dai tempi di "Mani Pulite", ma in decisa risalita negli ultimi mesi. Il consenso, altissimo tra chi si colloca nel centro-sinistra (67%), si contrae decisamente tra gli elettori di centro-destra (36%), che evidenziano un'eccessiva politicizzazione di alcuni magistrati.
Fiducia nei magistrati, ma valutazioni complessivamente negative sul sistema giudiziario nel nostro Paese: per i due terzi dei cittadini, la giustizia nel nostro Paese funziona male, soprattutto a causa della lentezza dei processi (65%) e della mancata certezza della pena (42%). Appare utile una riforma della giustizia, soprattutto per ridurre la durata dei processi (67%). Importa invece molto meno, agli italiani, della separazione delle carriere tra Pm e giudici (20%) o della riorganizzazione del Csm (14%).

[Informazioni tratte da Ansa, La Siciliaweb.it]

- Lodo Alfano retroattivo (Guidasicilia.it, 20/10/10)

 

 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

21 ottobre 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia