Il nuovo Piano regionale dei trasporti … e il sogno di viaggiare meglio in Sicilia

05 giugno 2002
Forse … tra qualche anno si viaggerà meglio in Sicilia.

I trasporti pubblici potrebbero diventare più veloci e confortevoli in tutta l'Isola.

La Regione cerca di colmare un enorme ritardo nella pianificazione di strade e ferrovie con un "Piano direttore del sistema di trasporto e mobilità in Sicilia", con il beneplacito del ministero delle Infrastrutture.

In realtà quello presentato qualche tempo fa ad un tavolo tecnico-scientifico non è ancora il piano dei trasporti ma un primo strumento di programmazione degli interventi strutturali nel settore, che recepisce gli indirizzi di politica dei trasporti delineati al livello nazionale e comunitario.

L'obiettivo dello studio è di fotografare la situazione attuale per accorciare le distanze, utilizzando tutti gli interventi individuati e finanziati fino ad ora.
Si punta sui sistemi stradale, portuale, aeroportuale e ferroviario, tenendo conto che le infrastrutture esistenti a servizio del traffico di interesse regionale sono insufficienti.

Le strade per esempio.
Mentre il traffico stradale si concentra principalmente lungo le autostrade e nei tratti delle strade statali più vicini alle tre aree metropolitane di Palermo, Messina e Catania, le zone del Ragusano, del Siracusano, delle Madonie e della provincia agrigentina più interna sono collegate in modo pessimo.
Sempre meglio, comunque, rispetto alle linee ferroviarie, se è vero che l'83% predilige il trasporto su strada rispetto a quello ferroviario o marittimo.

Gli interventi sulla rete stradale potenzieranno e adegueranno le strade trasversali di connessione dei principali centri fra loro e con l'entroterra, mettendo in comunicazione i versanti tirrenico e ionico.
Per esempio, la nord-sud Santo Stefano di Camastra-Gela, la Palermo-Agrigento, la Gela-Agrigento-Castelvetrano-Mazara del Vallo.
Anche il piano di trasporto pubblico locale sarà rivoluzionato, coinvolgendo Province e Comuni nella programmazione e varando l'aggiudicazione dei servizi con bandi di gara, per evitare monopoli e introdurre la concorrenza.

Previsti anche interventi per potenziare le infrastrutture portuali e i nodi di interscambio, elevandone qualità, efficienza e sicurezza.

Vedremo, se il sogno diventerà realtà.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

05 giugno 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia