Il Partito democratico in Sicilia...

Primi verdetti per le leadership provinciali del Pd, tra caos e polemiche

28 ottobre 2013

Si sono conclusi ieri in Sicilia i primi congressi provinciali e di circolo del Partito democratico. Com'era nelle previsioni, a Palermo il "renziano" Carmelo Miceli ha sconfitto Antonio Rubino rappresentante dell'area di Gianni Cuperlo e sostenuto dal deputato regionale Antonello Cracolici del quale da sempre è un fedelissimo.

A Catania è caos! I due candidati alla segreteria del Partito hanno fatto un passo indietro sospendendo i giochi. Le frizioni nazionali all'interno del Pd avevano avuto un crescendo alle pendici dell'Etna con accuse reciproche sul voto. Nella notte, a conclusione di una riunione, i due candidati alla segreteria provinciale Jacopo Torrisi e Mauro Mangano hanno deciso di comune accordo di ritirare le candidature. Così il coordinatore della Commissione provinciale per il Congresso Catania, Tuccio Alessandro ha sospeso a tutti i livelli le procedure. La soluzione potrebbe passare dalla costituzione di una commissione che valuterà come operare in vista del congresso nazionale del Pd, della quale faranno parte anche Torrisi e Mangano.

Il dato più rilevante riguarda invece Enna dove ha stravinto Vladimiro Crisafulli: è lui, forte dell'86,10% delle preferenze, il nuovo segretario provinciale. Ma è un risultato che si trascina una pesante polemica con i renziani. Dalle assise della Leopolda a Firenze, infatti, sono arrivate ieri pesantissime critiche.
Palermitano, autore del programma tv "Il testimone" su Mtv e di un film sulla mafia che a breve sarà nelle sale e che ha anche interpretato, Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, ieri ha infiammato la platea della Leopolda con un intervento di forte critica nei confronti dell'elezione di Rosy Bindi all'Antimafia e contro la candidatura di Mirello Crisafulli a segretario del Pd di Enna. "Sarò retorico - ha attaccato - ma come minchia fa il Pd ad avere uno come Crisafulli? Il partito di Pio La Torre". Ed è stata quasi standing ovation.

"Nel 2013 - ha detto Pif - Rosy Bindi si candida alle elezioni in Calabria e ammette di non sapere nulla di mafia. Qualche giorno fa sapete chi è stato eletto presidente della Commissione Antimafia".  Pif ha ricordato che dopo gli omicidi Dalla Chiesa e Falcone la mafia ha fatto sparire tutti i documenti delle loro indagini, così come l'agenda rossa di Paolo Borsellino. "È evidente - ha detto Pif - che la mafia è riuscita a tenere in pugno questo Paese perché è efficiente, competente e meritocratica. Riina, quando doveva fare un omicidio non mandava uno che tre giorni prima diceva: 'di armi non ne so nulla'". Questo passaggio del suo intervento ha provocato un forte applauso. "Riina - ha provocato Pif - non mandava un killer dicendo 'non spara da un po' e 'da qualche parte lo dobbiamo mandare', sennò a quest'ora sarebbe un pacifico contadino in pensione a Corleone". "Per sconfiggere la mafia - ha attaccato - bisogna essere efficienti, competenti e meritocratici come la mafia".

L’altro passaggio è stato poi dedicato a Mirello Crisafulli, ricordando di quando Crisafulli è stato "beccato a parlare con il mafioso Raffaele Bevilacqua: mi chiedo - ha attaccato - sarò retorico ma, lo dico in siciliano, come minchia fa il Pd ad avere uno come Crisafulli, il partito di Pio La Torre? Ma cosa aspetta Epifani a cacciarlo dal partito?". La conclusione del suo intervento è stata accolta da un lungo applauso e in diversi in sala si sono anche alzati in piedi.

Tornado alle elezioni provinciali siciliane, a Siracusa il verdetto si avrà solo durante questa settimana: in lizza la consigliera Carmen Castelluccio, supportata dall'area "Dem" e dai bersaniani, e l'ex assessore Liddo Schiavo, appoggiato dai renziani. A Trapani tutto rinviato a domenica prossima. A Messina Basilio Ridolfo, sindaco di Ficarra, è riuscito a mettere d'accordo, Francantonio Genovese, Filippo Panarello e Pippo Laccoto ed è dunque il candidato unico. Situazione analoga a Caltanissetta, dove Giuseppe Gallè viaggia senza intoppi verso la riconferma da ufficializzare il 6 novembre. Nel Ragusano ballottaggio tra Giovanni Denaro e Peppe Calabrese. Ad Agrigento, infine, Giuseppe Zambito di Siculiana ha battuto nettamente Giovanna Iacono (4378 voti contro i 2866 dello sconfitto).    

[Informazioni tratte da ANSA, Lasiciliaweb.it, GdS.it]

- Mirello Crisafulli: "Prima mi chiedono sostegno e ora mi attaccano" di Accursio Sabella (LiveSicilia.it)

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

28 ottobre 2013

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia