Il pentito Giovanni Brusca condannato a 10 anni

Concluso il processo a 19 affiliati a Cosa nostra accusati di sei delitti tra l'87 e il '92 commessi in Lombardia

05 maggio 2011

Dieci anni e quattro mesi di carcere per il pentito Giovanni Brusca, più altre due condanne per altri due imputati e assoluzione piena per altri 16, tra cui Leoluca Bagarella, cognato di Totò Riina e Piddu Madonia.
Si è concluso così ieri, a Milano, il processo con rito abbreviato davanti al gup Maria Cristina Mannocci, a 19 appartenenti a Cosa nostra accusati, a vario titolo, di sei omicidi e un tentato omicidio compiuti nel capoluogo lombardo tra il giugno del 1987 e il maggio del 1992.
Era stato lo stesso Giovanni Brusca, che martedì ha parlato in aula della trattativa Stato-mafia al processo di Firenze sulle stragi mafiose (LEGGI), a far partire con le sue dichiarazioni agli inquirenti l'inchiesta coordinata dal pm della dda di Milano Marcello Musso sugli omicidi avvenuti a Milano e che sarebbero stati decisi dai vertici di Cosa Nostra per eliminare gli uomini non più affidabili dell'organizzazione. In particolare, Brusca rispondeva dell'omicidio di Alfio Trovato, come Totò Riina, che però è a processo con rito ordinario in Corte d'Assise. A 30 anni è stato condannato Santo Mazzei, mentre a 12 anni Salvatore Facella. Bagarella, assistito dall'avvocato Luigi La Marca, è stato assolto per non aver commesso il fatto.

[Informazioni tratte da Ansa, Adnkronos/Ing]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

05 maggio 2011

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia