Il popolo dei NoTriv non ci sta! Lo stop alle trivellazioni nel Val di Noto è solo una grande bufala

20 giugno 2007

I NoTriv, il Comitato per le energie rinnovabili e contro le trivellazioni gas-petrolifere in Sicilia, non ci stanno. ''Le recenti esternazioni del presidente della Regione Sicilia Salvatore Cuffaro hanno fatto credere che non vi saranno trivellazioni nel Val di Noto e quasi tutti i mass media ci sono cascati. Purtroppo non è così'', ha fatto sapere il comitato con un comunicato messo in circolazione nei giorni scorsi.
''La 'rinuncia' della compagnia petrolifera texana (la Panther Oil) è molto limitata (86 Kmq sui 747 kmq dell'intera concessione), riguarda zone già vincolate e non comprende quelle ad alta valenza agricola, paesaggistica e turistica che verrebbero perforate comunque. Gli amministratori, i media e i cittadini hanno subito un affronto''.
Il comitato NoTriv ha quindi ribadito che ''l'unico modello di sviluppo può essere quello fondato sul turismo sostenibile e sull'agricoltura di qualità'', e ha chiesto la creazione del parco degli Iblei, secondo un modello di sviluppo già avviato in Sicilia.

Il comunicato dei No-Triv
NON CHIAMATELA VITTORIA DEL VAL DI NOTO E DELLA SUA GENTE!!!
Il Val di Noto è in pericolo oggi più che mai!!

Il Comitato NoTriv ritiene un insulto e un'offesa vergognosa l'annuncio di Cuffaro, dallo stesso presentato come una vittoria del Governo Regionale, della rinuncia dalla Panther Eureka a trivellare nei siti Unisco della Sicilia Sud Orientale.
Rinunciare all'11% del territorio del Val di Noto (equivalente a 86 kmq su 746,37), percentuale che corrisponde ai territori dei centri abitati e delle zone cuscinetto imposte per regolamento dall'Unesco, nonché a zone sotto vincolo totale archeologico e ambientale, come l'area di Noto Antica e la Riserva Naturale di Vendicari, dove comunque mai e poi mai la Panther Eureka avrebbe potuto aprire pozzi gas petroliferi,
PER POTER CONTINUARE INDISTURBATI A TRIVELLARE A LATO, appare l'ennesimo atto di violenza amministrativa e politica nei confronti di un intero territorio e della sua gente.
Annunciare questa ''pseudo'' rinuncia come una vittoria del Val di Noto, è una infamia che i media hanno l'obbligo morale e civile di smentire immediatamente e categoricamente: siamo di fronte ad una totale presa in giro e ad una trappola in cui il Comitato No-triv non cadrà!! Questo miserevole e indegno tentativo di Cuffaro e del Governo regionale, determinati oggi più che mai a difendere gli interessi delle compagnie petrolifere contro gli interessi del popolo siciliano, non sposta di un millimetro la nostra lotta e il nostro obiettivo:
L'ANNULLAMENTO TOTALE E IRREVOCABILE DI TUTTI I PERMESSI DI RICERCA CONCESSI NEL VAL DI NOTO E IN SICILIA!

LA NOSTRA E' UNA BATTAGLIA PER SALVARE TUTTO IL TERRITORIO NELLA SUA INTEREZZA.
NOI LOTTIAMO PER UN MODELLO DI SVILUPPO CHE SALVAGUARDI NON SOLO I MONUMENTI BAROCCHI MA ANCHE LA NATURA, IL PAESAGGIO, LE FALDE ACQUIFERE, L’INTERO HABITAT NATURALE, CULTURALE E SOCIALE CHE RAPPRESENTA IL NOSTRO UNICO GIACIMENTO SFRUTTABILE E LA NOSTRA UNICA RICCHEZZA!
NOI LOTTIAMO PER UN MODELLO DI SVILUPPO INCOMPATIBILE CON QUALSIASI PROGETTO DI RICERCA E COLTIVAZIONE DI IDROCARBURI FOSSILI E DI INDUSTRIALIZZAZIONE DEL TERRITORIO!

FACCIAMO APPELLO ALLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA AFFINCHE' INTERVENGA A TUTELARE I DIRITTI DEI CITTADINI DEL VAL DI NOTO E DELLA SICILIA TUTTA!

- www.notriv.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

20 giugno 2007

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia