Il progetto Handijob

07 gennaio 2002
Il progetto Handijob, finanziato nell'ambito dell'Iniziativa Comunitaria "Occupazione e valorizzazione delle risorse umane".

Handijob è un modello di intervento che mira a creare possibilità di integrazione lavorativa per le persone che vivono condizioni di disabilità nel territorio siciliano.
Il lavoro è l'elemento che più di ogni altro riscatta la condizione della persona disabile in termini di autonomia, di indipendenza economica, di consapevolezza del proprio valore. Ma le criticità che sottendono alla problematica dell'inserimento lavorativo sono moltissime e non esclusivamente connesse alla situazione del mercato lavoro.
La persona disabile, infatti, convive con l'idea diffusa che la gente normale si è costruita su di essa, in virtù di una serie infinita di barriere, soprattutto mentali: persone inette, scomode, improduttive. La stessa idea che porta a pensare che la persona disabile debba condurre la propria esistenza unicamente nel circuito socioassistenziale, sotto tutela economica e sociale.
Il processo di integrazione lavorativa e sociale deve superare anche le "forche caudine" del pregiudizio e dell'ignoranza.
Il cammino che la società deve compiere verso una piena integrazione è lastricato di difficoltà che sono visibili: congiuntura economica, stagnazione della domanda di lavoro, ma anche invisibili: barriere culturali e sociali.
Lo sviluppo di iniziative volte a favorire l'ingresso nel mercato del lavoro delle persone disabili è una delle "questioni forti" su cui si gioca la capacità del sistema sociale di realizzare percorsi di integrazione che restituiscano un immagine della persona disabile come soggetto valido, autonomo, che contribuisce con la propria opera al processo di crescita economica e civile.
Ci si è chiesti, a tal fine, se era possibile definire un modello di intervento che avesse la capacità di mettere in campo azioni per favorire, pur in un contesto socioeconomico caratterizzato da elementi di forte criticità, l'inserimento lavorativo delle persone disabili.

Obiettivo progettuale
Il progetto Handijob ha l'obiettivo di creare condizioni per favorire l'ingresso delle persone disabili nel mercato del lavoro, attraverso la realizzazione di azioni che discendono da un modello di intervento a carattere sistemico.
L'obiettivo è, dunque, l'occupazione. L'occupazione possibile, cioè congruente con l'handicap e con la domanda di lavoro, attraverso un modello di intervento che sperimenta un approccio per ordinare, economizzare, migliorare il collegamento e la erogazione dei servizi della costellazione dei soggetti che operano nel campo dell'orientamento, della formazione, dell'inserimento lavorativo delle persone disabili.
Il progetto mira pertanto a favorire l'uscita delle persone disabili dal circuito di assistenza improduttiva, la valorizzazione delle risorse umane e professionali delle persone disabili e degli operatori; l'incontro reale fra domanda ed offerta di lavoro nell'ottica di un superamento delle disfunzioni legislative e strutturali in tema di inserimento lavorativo.
 
I soggetti coinvolti

Il fattore critico di successo del modello di intervento è insito nella capacità di coinvolgere a diversi livelli tutti gli "attori" del territorio che sono beneficiari dell'iniziativa, ma che contribuiscono non marginalmente al funzionamento del modello stesso.
Infatti la parola chiave del progetto Handijob è "Collegamento".
Collegamento fra le azioni progettuali e i soggetti coinvolti in una rete di comunicazione che si attiva in tutte le fasi realizzative del progetto.
Della rete fanno parte:
l'Assessorato Regionale del Lavoro - Agenzia per l'impiego e la formazione professionale e i nove Uffici Provinciali del Lavoro e della Massima Occupazione
I Provveditorati agli studi della Sicilia - Uffici H e/o GLIP
l'Assessorato regionale della Sanità - Ispettorato regionale sanitario
Il Coordinamento regionale per la tutela dei diritti delle persone disabili
Tutti i soggetti sono rappresentati all'interno del Comitato Tecnico Scientifico e sono collegati fra di loro attraverso una procedura telematica.
A livello transnazionale la Màthesis ha stipulato un accordo di partenariato con due organismi, Atlantech (Francia) e Cercifaf (Portogallo), che realizzano azioni analoghe per l'inserimento dei disabili nei loro paesi.

Modello di intervento
Il progetto è ideato come un sistema integrato di azioni che opera a rete su tutto il territorio regionale, coinvolgendo nell'azione tutti gli attori chiave in tema di inserimento lavorativo dei soggetti persone disabili.
Il principio-guida che informa la strutturazione del progetto è il collegamento dei soggetti regionali e dei partner transnazionali che hanno competenze in materia di inserimento lavorativo.
Il modello di intervento agisce su diverse aree di riferimento. Per ogni area si coinvolgono i soggetti interessati in un quadro comune di intervento mettendo in campo azioni mirate e coordinate. Esso consiste in un sistema integrato di informazione, orientamento, consulenza, formazione orientativa, sostegno alla creazione di impresa.
Le iniziative che saranno promosse in ogni area di intervento saranno concepite, realizzate, valutate all'interno del sistema (attraverso il comitato tecnico scientifico) e finalizzate al pieno funzionamento dello stesso.
La natura sistemica del modello proposto offre alcuni importanti vantaggi che si possono così riassumere:
risposta ai bisogni concreti di informazione e consulenza dei diversi utenti in un territorio ampio come quello siciliano;
attività e servizi con obiettivi differenziati;
rete di servizi integrati per soddisfare specifici bisogni dell'utenza;
utilizzo di informazioni, dati comuni e metodologie standard omogenee sia in rapporto alla funzione dei servizi di informazione, consulenza, orientamento, sia in rapporto alle procedure di intervento a tutto campo per l'inserimento lavorativo delle persone disabili;
fruibilità delle esperienze economizzando risorse e metodologie;
utilizzo di esperienze, metodologie, modelli sperimentati in altri paesi europei.
Il modello operativo si compone di diverse task o pacchetti che hanno la funzione di realizzare parti compiute di intervento in una logica di:
- interrelazione e scambio con le altre task
- convergenza con le azioni promosse a livello generale.
In tutte le fasi di realizzazione del progetto sono previste attività di sensibilizzazione, informazione, animazione sia nei riguardi dei soggetti a livello regionale sia a livello dei partner europei.
Il Comitato Tecnico Scientifico ha il compito di programmare, monitorare e valutare gli interventi a più livelli di riferimento.
I pacchetti che offre il modello sono:
1. Area Conoscenza
1.1. Ricerca sul campo sull'inserimento occupazionale delle persone disabili
1.2 Banca dati regionale
2. Area Servizi
2.1 Servizio di informazione, orientamento scolastico e professionale, consulenza, sostegno alla creazione di impresa a livello regionale per l'inserimento lavorativo destinata agli operatori di settore e alle persone disabili
3. Area Formazione a distanza
3.1 Sistema di formazione a distanza per gli operatori di settore
4. Area Progetti Mirati
4.1 Formative orientativa per persone disabili
4.2 Sostegno alla creazione d'impresa

1. Area Conoscenza
1.1. La ricerca
La ricerca rappresenta all'interno del progetto il momento della conoscenza della realtà occupazionale nella Regione Sicilia. I risultati della ricerca saranno messi a disposizione della collettività su Internet e su una rete geografica a livello regionale.
L'indagine ha l'obiettivo di fornire un quadro conoscitivo il più possibile esaustivo su alcuni aspetti relativi ai problemi di inserimento lavorativo dei persone disabili nella Regione Sicilia.
A tale scopo, il progetto di ricerca ha previsto le seguenti fasi di ricerca:
- ricognizione delle fonti normative, bibliografiche e statistiche esistenti;
- indagine sui fabbisogni di professionalità nelle aziende siciliane;
- indagine sulle caratteristiche della offerta di lavoro insoddisfatta.
1.2 La Banca dati
La Banca dati del progetto "Handijob" è l'elemento che insieme alla ricerca definisce la prima task del progetto e si connota come il nodo di riferimento, nell'economia del modello di intervento, per l'acquisizione, l'ordinamento, la diffusione, delle informazioni e dei dati, ma nondimeno è uno strumento di collegamento fra gli attori chiave del progetto.
La Banca dati è allocata presso l'Agenzia regionale per l'Impiego e si rapporta funzionalmente con le basi di dati dell'Agenzia stessa.
La Banca dati è strutturalmente finalizzata ad erogare servizi informativi al mondo dei disabili, degli operatori pubblici e privati delle associazioni, delle imprese in tutto il territorio regionale.
L'architettura della Banca Dati
Allo scopo di rendere fruibili le informazioni ed i servizi messi a disposizione dal progetto "Handijob" a tutti gli utenti interessati con il minor onere possibile si utilizzerà una architettura informatica/telematica basata su due tecnologie di accesso alle informazioni.
Tecnologia Internet.
I dati accessibili mediante tale tecnologia troveranno ospitalità in un sito Internet.
Il sito:
- pubblicherà dati provenienti dalla Ricerca, dati sulla formazione, dati sul mondo del lavoro pubblico e privato, documentazione;
- acquisirà schede personali (curricula), schede aziendali;
- renderà disponibili servizi di posta elettronica, spazi riservati a forum ed iniziative varie;
Rete geografica.
La rete telefonica collegherà il sistema informativo dell'Agenzia per l'Impiego di Palermo con le sedi periferiche che partecipano all'iniziativa e che sono dislocate in tutto il territorio regionale (Assessorato Regionale alla Sanità, Provveditorati agli Studi, U.P.L.M.O., Associazioni facenti parte del Coordinamento regionale persone disabili).
I servizi offerti alle persone disabili
Inserimento del proprio curriculum vitae
Il soggetto portatore che intende avvicinarsi al mondo del lavoro potrà depositare il proprio curriculum sulla banca dati "Handijob" con vari sistemi.
Collegandosi direttamente al sito Internet del progetto Handijob
Collegandosi al sito dell'Agenzia per l'Impiego
Recandosi presso una delle sedi periferiche coinvolte nel progetto
I curricula immessi, con qualunque mezzo, nella banca dati, saranno raccolti entro una settimana in un archivio sul server di Handijob. In seguito, un operatore dell'agenzia dell'impiego potrà scorrerli e controllarli, per eliminare eventuali errori di digitazione; una volta effettuata tale verifica, i curricula entreranno a far parte della banca dati dei lavoratori.
Informazioni sui corsi professionali disponibili nella regione Sicilia
L'utente avrà la possibilità di conoscere tutti i corsi di formazione professionale organizzati sul territorio regionale.
Domanda di lavoro disponibile nel settore pubblico
Sarà disponibile un archivio aggiornato dei concorsi del settore pubblico.
I concorsi saranno classificati con criteri che ne permetteranno una facile consultazione.
Domanda di lavoro disponibile nel settore privato
Sarà disponibile un archivio aggiornato delle domande di lavoro del settore privato. Le domande di lavoro saranno classificate con criteri che ne permetteranno una facile consultazione.
I servizi offerti alle aziende
Pubblicazione di domande di lavoro
Le aziende interessate potranno inserire le loro domande di lavoro tramite la compilazione di una scheda elettronica via Internet o attraverso le sedi periferiche.
Informazioni sulle agevolazioni rivolte all'assunzione di persone disabili
A tutte le aziende interessate verranno fornite informazioni relative alle normative che regolano le agevolazioni e gli obblighi per chi assume persone disabili.
Accesso al servizio di preselezione del personale attivato presso l'agenzia per l'impiego
Il servizio di preselezione del personale attualmente offerto dall'Agenzia per l'Impiego verrà esteso alle aziende che sono interessate all'assunzione di persone disabili.
Inserimento di servizi svolti a favore dei persone disabili in pagine specifiche del sito Handijob
Le aziende che promuovono iniziative atte a integrare i soggetti disabili nel mondo del lavoro avranno la possibilità di pubblicare le loro iniziative in un apposito settore della base dati.
I servizi generali di informazione
La ricerca sull'inserimento dei disabili in Sicilia a cura del CENSIS sarà inserita nella Banca dati e sarà messa a disposizione degli utenti, delle imprese e dei partners transnazionali.
2. Area Servizi
2.1 Servizio di informazione, orientamento scolastico e professionale, consulenza, sostegno alla creazione di impresa a livello regionale per l'inserimento lavorativo destinato agli operatori di settore ed alle persone disabili
Tale servizio allocato a livello centrale presso l'Assessorato Regionale del Lavoro (Agenzia per l'Impiego), coinvolge il personale dei servizi per l'impiego a livello periferico territoriale, i Provveditorati agli studi, il Coordinamento regionale per la tutela dei diritti dei soggetti persone disabili, l'Assessorato regionale alla Sanità.
Il servizio consisterà in una rete, alimentata attraverso la costruzione della banca dati e della telematizzazione dei punti di erogazione, che fornirà informazioni, consulenza, orientamento, sostegno alla job creation agli operatori di settore ed alle persone disabili al fine di supportare le politiche attive del lavoro dei disabili.
Nell'ottica di rete, il servizio si alimenta anche con le informazioni e le esperienze che provengono dagli operatori (associazioni, scuole, famiglie ecc..).
Esso si innesta nel sistema dei servizi dell'Agenzia per l'impiego e la formazione professionale.
Pertanto il servizio si relaziona sul piano dello scambio informativo con le basi di dati dell'Agenzia in materia di lavoro, formazione professionale ecc.., pur mantenendo una sua funzione specifica, nonché un'autonomia operativa.
Il servizio dovrà strutturarsi come uno sportello informativo per fornire risposte ai bisogni di informazione e orientamento, consulenza, ma dovrà essere anche il soggetto che funge da organo tecnico per tutte le iniziative che verranno intraprese dall'Amministrazione Regionale, dalle Associazioni, dal mondo della Scuola sull'inserimento lavorativo dei persone disabili (predisposizione e realizzazione di programmi di intervento in materia di orientamento, formazione, consulenza individuale, altri interventi).
Collegamenti telematici

Il servizio appena descritto funzionerà anche grazie ad una rete telematica per l'interscambio di informazioni tra l'Assessorato regionale al Lavoro della Sicilia, i Provveditorati agli Studi e gli U.P.L.M.O. delle nove province siciliane, il Coordinamento regionale per la tutela dei diritti degli handicappati e l'Assessorato alla Sanità della regione Sicilia.
La realizzazione del collegamento telematico tra le suddette Istituzioni, permetterà di disporre delle informazioni provenienti dalla banca dati regionale e dalla gamma dei servizi di orientamento a livello centrale; inoltre favorirà l'interscambio delle informazioni fra centro e periferia anche per azioni orientative e formative.
3. Area F.A.D.
3.1 Sistema di formazione a distanza per funzionari ed operatori di settore
L'azione formativa si colloca all'interno dei diversi servizi del modello di intervento per la promozione occupazionale dei soggetti persone disabili.
Il sistema mira a coinvolgere in una situazione formativa aperta e individualizzata tutti i soggetti operanti nel settore dell'istruzione, dei servizi per l'impiego, che partecipano all'iniziativa per offrire loro l'opportunità di sviluppare, anche attraverso la rete telematica, un sistema di formazione-aggiornamento continuo sulle problematiche di inserimento lavorativo delle persone disabili, siano essi nella condizione di disoccupato o di allievo.
In particolare L'attività di formazione, attraverso moduli differenziati a distanza, sarà destinata al personale dell'Assessorato del Lavoro e degli U.P.L.M.O., dei Provveditorati agli Studi, alle Associazioni facenti parte del Coordinamento Regionale per la tutela dei diritti delle persone disabili, dell'Assessorato sanità.
Gli obiettivi dell'attività sono:
mettere in grado il gruppo obiettivo di accedere alla banca dati regionale, e di garantire la distribuzione di informazioni, consulenza e orientamento a favore delle persone disabili e delle loro famiglie;
essere in grado di individuare procedure e modelli collaudati per la realizzazione di attività divulgative, formative, orientative e di supporto alla inserimento lavorativo delle persone disabili;
sviluppare e stimolare attraverso il sistema in autoistruzione, creatività, flessibilità, capacità di organizzazione e di coordinamento, capacità di sintesi ed analisi, capacità di valutazione ed autovalutazione sulle attività in corso di realizzazione.
4. Area Progetti Mirati
I Progetti Mirati sono una sperimentazione sul campo della validità del modello di intervento proposto, in quanto costituiscono il vero banco di prova del funzionamento del modello stesso.
Il modello qui proposto prevede due attività specifiche:
1) la formazione orientativa in aree tematiche compatibili con l'handicap;
2) il sostegno alle attività imprenditoriali.
Altre attività possono essere previste, anche con diversi approcci, in ambiti di azione e in contesti differenti, in considerazione della tipologia dell'handicap, delle richieste del mercato, della evoluzione normativa sulle problematiche di inserimento lavorativo dei persone disabili.
4.1 Formazione orientativa per soggetti disabili
Il piano d'intervento di formazione orientativa è una azione, all'interno dei progetti mirati, da effettuare per la formazione orientativa di un gruppo sperimentale delle persone disabili nell'ambito della Regione Sicilia in alcune aree di intervento.
La finalità del progetto è quella di sperimentare un modello di intervento di orientamento personalizzato su un gruppo obiettivo per la determinazione della natura e del grado di discrepanza di ordine psicologico e fisico che esiste fra le persone disabili ed il posto di lavoro. L'obiettivo della formazione orientativa è quello di indirizzare i partecipanti verso percorsi formativi a livello regionale più aderenti alle capacità e alle attitudini individuali.
I risultati saranno messi a disposizione del servizio di orientamento, dei promotori, della Pubblica Amministrazione, dei partners.
4.2 Sostegno alla creazione d'impresa

Si intende con il presente progetto sperimentare un modello di intervento che contribuisca ad una sorta di individuazione e preselezione del potenziale imprenditore, ad una verifica approfondita e ad una autovalutazione della sua scelta, ad una sua strumentazione di carattere motivazionale e conoscitiva appropriata al tipo di strada prescelta.
Al tempo stesso si vuole sperimentare, nell'ambito del sistema delle relazioni e dell'integrazione, un modello di comunicazione tra lavoro autonomo e lavoro dipendente e di banche dati collegate tra l'uno e l'altro settore, fruibili dai neo imprenditori, dalle aziende, dalle categorie di persone in cerca di lavoro o di mutamenti di condizione lavorativa.
La sperimentazione è finalizzata a "testare sul campo" un modello di intervento da trasferire nelle metodologie, nei contenuti, nella strumentazione ai soggetti competenti in materia, su tutto il territorio.
Azioni di informazione
In tutte le fasi dell'intervento sono previste azioni volte a sensibilizzare operatori, persone disabili, famiglie, insegnanti.
In particolare saranno realizzati:
foglio informativo sul progetto "Handijob";
opuscolo sul progetto;
nove conferenze informative presso sedi provinciali del Coordinamento per la tutela dei diritti delle persone disabili;
pubblicazione e diffusione di una guida ai servizi per l'inserimento lavorativo delle persone disabili;
pubblicazione e diffusione di un Bollettino a cadenza semestrale su:
- percorsi formativi per disabili nella Regione Sicilia,
- opportunità di lavoro compatibili con le varie tipologie di handicap;
nove seminari presso le scuole destinati agli insegnanti e alle famiglie;
elaborazione e pubblicazione del Rapporto finale sul progetto;
convegno pubblico sul progetto.
Funzionamento del modello operativo
Il modello operativo è, come si è detto, un insieme di azioni finalizzate e convergenti nella logica del collegamento delle strutture che si occupano a vario titolo delle problematiche di inserimento lavorativo delle persone disabili.
Il collegamento esistente fra i vari pacchetti è definito come un sistema di comunicazione in cui vi sono fonti emittenti, canali di comunicazione, mezzi, riceventi.
Questo sistema di funzionamento prende avvio dalla realizzazione della ricerca e dalla costituzione della banca dati regionale, da collegare con il sistema informativo dell'Agenzia per l'Impiego.
La ricerca e la banca dati sono necessarie al sistema di comunicazione per fornire tutte le conoscenze sull'inserimento occupazionale agli operatori e ai disabili.
Con questa base di dati dialogano i centri di erogazione della formazione a distanza, i centri facenti capo al Coordinamento per la tutela dei diritti delle persone disabili, il servizio di informazione, orientamento, consulenza per gli operatori e le persone disabili, i Provveditorati agli studi delle nove province siciliane..
Il processo di comunicazione si attiva a rete tra tutti i punti del modello, attraverso lo scambio di informazioni, di materiali educativi e informativi.
Si avviano successivamente il servizio di informazione, orientamento, consulenza per gli operatori e i disabili e il sistema di formazione a distanza degli operatori.
IL PARTENARIATO TRANSNAZIONALE
Progetto: MEDIA@NET/Handijob
L'attività transnazionale
Il progetto transnazionale prevede la progettazione e la realizzazione di servizi di informazione volti a facilitare l'inserimento professionale di disabili nel mercato del lavoro. Tale intendimento si materializza, per un verso nello scambio di informazioni e documenti fra i partners, ma soprattutto nel concorso alla costituzione di un server multimediale su Internet che conterrà dati e informazioni in materia di inserimento lavorativo dei portatori di handicap.
L'attività transnazionale si realizzerà attraverso lo scambio di informazioni e documentazione e lo svolgimento di seminari nei tre paesi partner.
I partners Atlantech - Màthesis - Cercifaf
ATLANTECH
Natura giuridica: Groupement d'interet public - no profit
Indirizzo: Chateau de la Chantrerie - CP 3005 - 44087 - NANTES
PAYS DE LA LOIRE - FRANCIA
Telefono: 33 240 687171 - Fax 33 240 687189
Nome del responsabile: Yves THOMAS
Notizie: Atlantech è una confederazione di istituzioni di istruzione superiore dei Pays de la Loire che svolge attività di ricerca e di formazione continua.
MATHESIS
Natura giuridica: Cooperativa - no profit
Indirizzo: via P.pe di Granatelli, 28 90139 PALERMO
SICILIA - ITALIA
Telefono: 39 91 336366 - Fax 39 91 583124
Nome del responsabile: Lorenzo PALUMBO
Notizie: Màthesis è una società che opera da diversi anni in Sicilia nel settore della valorizzazione delle risorse umane, in particolare ha operato nell'ambito della formazione professionale a livello regionale.
CERCIFAF
Natura giuridica: Cooperativa - no profit
Indirizzo: Rua 9 de Dezembro 9, Monte de S. Jorge, Apartado 82 - 4821 - FAFE
NORD DE PORTUGAL - PORTOGALLO
Telefono: 351 53 599 155 - Fax 351 53 597 932
Nome del responabile: Julio MARINHO
Notizie: Cercifaf è un centro di riabilitazione per disabili mentali che svolge attività di formazione professionale e assistenza all'impiego a favore di disabili mentali.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

07 gennaio 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia