Il progetto SALVAMONDO

Non cambiare gli spiccioli in euro, cambia il mondo in meglio

09 gennaio 2002


IL PROGETTO SALVAMONDO

Una monetina salverà il mondo

"Non cambiare gli spiccioli in euro,
cambia il mondo in meglio"



E' nata con questo slogan Salvamondo, la campagna di raccolta fondi che accompagna le ultime settimane di vita della lira. Tre le associazioni internazionali coinvolte: Unicef, Wwf e Amnesty International.
Monete - ma anche banconote italiane ed estere - verranno raccolte da novembre a marzo 2002: circa 70 miliardi, la cifra che le tre associazioni sperano di riuscire a raccogliere.
L'aspetto benefico è certamente l'elemento fondamentale, ma altre considerazioni renderanno interessante ed unica la campagna.
Donare a "Il Salvamondo" permetterà di evitare code in banca per convertire piccole somme in euro ed offrirà a tutti la possibilità di cambiare "in meglio" il destino delle monete. Inoltre, alla campagna potranno essere donate anche tutte le valute straniere, in particolare le monete che non si possono cambiare in banca: "souvenir" di viaggi che spesso si accumulano nei cassetti.

Come vengono raccolte le offerte
Molteplici i canali di raccolta delle monete: 135 mila contenitori collocati in uffici postali, banche, supermercati, cinema e grandi magazzini; milioni di bustine con il logo della campagna (che può essere scaricato anche da internet); conto corrente postale (n.554030); Conto corrente bancario (n.4000 Abi 6355 cab 3209 c/o cariverona banca); donazioni con carta di credito (numero verde 800-666222).

Spiccioli preziosissimi
Poche lire, assicurano gli organizzatori, possono fare tanto per i diritti umani, l'infanzia e l'ambiente. Così, i soldi raccolti verranno utilizzati per sostenere le attività di Amnesty international contro la tortura, dell'Unicef, che destinerà i soldi a progetti di supporto per i bambini in guerra e del Wwf che li utilizzerà per la salvaguardia delle foreste più a rischio del pianeta. Le tre associazioni si impegnano a tenere informata l'opinione pubblica sul risultato della raccolta e sull'andamento dei progetti finanziati.

L'ultima buona azione della lira
In occasione della conversione della lira in euro anche l'Airc (l'Associazione italiana per la ricerca sul cancro) ha promosso una campagna che si basa sulla raccolta di monetine e che si chiama "l'ultima buona azione della lira". Il pubblico avrà così la possibilità di donare le proprie monete metalliche in favore della ricerca oncologica imbucandole in oltre 135.000 grandi contenitori e salvadanai collocati su tutto il territorio italiano. L'operazione avrà inizio ufficialmente a partire dal 1 dicembre 2001, ma già fin da ora è possibile donare le monete nei contenitori che via via verranno collocati nei punti di raccolta. Su ogni contenitore sarà riportato il numero di telefono antitruffa 199.151.151. Con una telefonata sarà possibile verificare l'autenticità del contenitore.

La collaborazione tra le quattro associazioni
In considerazione delle notevoli risorse finanziarie impiegate sia per la realizzazione che per la capillare distribuzione dei grandi contenitori, Airc da una parte e Amnesty, Unicef e Wwf dall'altra, si sono accordate per un utilizzo congiunto di tali contenitori. In questo modo è stato possibile ridurre ampiamente i costi ed evitare la "concorrenza" negli stessi luoghi. I grandi contenitori saranno personalizzati dai visual di entrambe le campagne e dai loghi delle quattro associazioni. "Il Salvamondo" di Amnesty, Unicef e Wwf punterà sulla raccolta di monete italiane ed estere, mentre "L'ultima buona azione della Lira" di Airc si concentrerà esclusivamente sulla valuta nazionale.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

09 gennaio 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia