Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Il ricco Nord, il povero Sud

Gli italiani più ricchi vivono in Valle d'Aosta, i più poveri si dividono tra Calabria e Sicilia

21 agosto 2008

In estrema sintesi il discorso è sempre lo stesso: l'Italia divisa in due col Nord ricco e produttivo e il Sud povero e disoccupato.
A ribadire il concetto questa volta è l'analisi prodotta dal Centro Studi Sintesi per il Sole 24 ore sulle dichiarazioni dei redditi degli italiani nel 2006 e attualizzati al 2007, raffrontate con quelle del 1999. Da questa, guardando i casi di due paesi lontani e opposti, Ayas, in provincia d'Aosta, e Platì, in quella di Reggio Calabria, rispettivamente il comune più ricco e quello più povero del Belpaese, si ricava un vero e proprio emblema dell'abisso che separa il Nord e il Sud d'Italia. Ad Ayas si vive in media con oltre 66.000 euro a testa, a Platì si superano di poco i 4.000.
Insomma, i più ricchi d'Italia vivono in Valle d'Aosta, i più poveri in Calabria. Due regioni agli antipodi geograficamente ed economicamente.  

Lo studio riporta dei confini netti tra le regioni settentrionali, che fino all'anno scorso hanno continuato ad accumulare redditi, e il Mezzogiorno che continua ad arranca e si avvicina sempre di più alla povertà.

IL NORD - La Valle d'Aosta e la Lombardia primeggiano per incremento del reddito tra il '99 e il 2007 e sono ai primi posti anche per valore assoluto: nella piccola regione autonoma - a parte il picco di Ayas - il reddito medio dichiarato è di 18.487 euro, con una crescita dell'11% in otto anni. In Lombardia si sfiorano nuove vette: qui il reddito medio è di 20.172 euro, il 7,5% in più rispetto al 1999.
E' l'Emilia Romagna la regione in cui la ricchezza è più diffusa e "continua", qui il reddito medio è di 18.303 euro, con un incremento del 5,9% rispetto al '99. Bologna è l'unica provincia oltre a Milano e Roma a superare i 20 mila euro di reddito medio per contribuente. Comunque tutte le regioni del Nord viaggiano sopra i 17.000 euro, mentre al Centro si oscilla tra gli oltre 18.000 del Lazio - dove Roma gioca un ruolo essenziale con oltre 20.000 euro - e i 16.958 della Toscana, fino ai 15.337 euro dell'Umbria.

IL SUD - A Sud il crollo: nessuna regione, tranne l'Abruzzo, va oltre i 13.000 euro. La Calabria e la Basilicata sono sotto gli 11.000, con la prima a un minimo di 10.201 euro a testa e un crollo dei redditi di ben il 14% negli otto anni considerati. Questa situazione è stata confermata dai dettagli comunali. Come la discesa senza freni del reddito medio dei cittadini dei 92 comuni della provincia di Napoli: -6,6% rispetto al '99. Ogni contribuente qui può contare in media rispetto ai dati attualizzati al 2007 su 13.560 euro a testa. Exploit di Capri che con 17.842 euro per contribuente, arriva così a un livello "settentrionale". Ancora più a Sud, invece, nel confronto con il '99, anche a causa del tasso di inflazione, il contribuente medio in Calabria ha perso il 14% del suo reddito.

LE CLASSIFICHE - Guardando alle classifiche, tutti i comuni più ricchi sono concentrati al Nord. Dopo Ayas, si piazzano Basiglio (Milano) con oltre 45.000 euro, Cusago (Milano) a circa 37.000 euro, Pino Torinese (Torino) a 33.000 euro a testa, Campione d'Italia (Como) a 32.700. Ma anche scendendo sotto la top ten i nomi continuano ad essere solo di località del Nord.
La classifica dei più poveri, nella quale nessun comune vorrebbe rientrare, vede protagonisti i centri del Sud. Maglia nera come detto per Platì (Reggio Calabria), poi Mazzarone (Catania), Verbicaro (Cosenza), Torre di Ruggiero (Catanzaro), tutte sotto i 5.000 euro. L'eccezione che conferma la regola è Val Rezzo, in provincia di Como, dove con un calo del 31% in otto anni, il reddito per contribuente arriva ad appena 4.326 euro.

Di seguito una tabella con le province che tra il 1999 e il 2007 hanno guadagnato di più e quelle che hanno perso di più in termini di reddito.

AOSTA 18.487  +11,0% 
MILANO  23.183  +10,6% 
FERRARA 16.454  +10,0% 
GENOVA  19.042  +9,6% 
PAVIA  18.238  +9,1% 
PIACENZA  17.972  +8,9% 
Verbano-Cusio-Ossola  16.215  +8,8% 
PISA  17.454  +8,3% 
SIENA  17.367  +7,8% 
COMO  19.094  +7,4% 
Medio Campidano  10.054  -9,7% 
SALERNO  11.131  -9,9% 
AGRIGENTO  9.691  -10,1% 
CASERTA  11.437  -10,8% 
ENNA  9.511  -11,6% 
REGGIO CALABRIA  10.756  -13,0% 
CATANZARO  10.907  -13,2% 
COSENZA  9.832  -13,3% 
VIBO VALENTIA  9.217  -16,5% 
CROTONE  9.356  -18,7% 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

21 agosto 2008
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE