Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Il ''Sangue d'oro'' di Pantelleria scorre dalle bottiglie della cantina di Carole Bouquet

12 settembre 2005

''E' Pantelleria che mi ha spinto a fare questo vino. E' stata questa terra a chiedermelo, da lei nasce 'Sangue d'oro'. Ed è in quest'isola che ho imparato la pazienza, in questa terra, così violenta, che amo alla follia. Da queste dure zolle nasce il nome del mio vino''.
Lo dice Carole Bouquet che a breve, condizioni meteorologiche permettendo, dovrebbe cominciare la prima vendemmia delle sue uve Zibibbo, coltivate in un terreno di circa 10 ettari in contrada Serraglio, a Pantelleria (TP).
Da quest'anno l'attrice utilizzerà la nuova cantina in contrada Scauri, appena restaurata e dipinta in giallo e rosso, i colori di 'Sangue d'oro', il passito Doc che produce da qualche anno in quantità limitatissime, circa 12 mila bottiglie da 0,70 litri, vendute a un prezzo di circa 50 euro.
''Questo vino nasce dal mio amore viscerale per la Sicilia e per il Sud - ha detto Carole Bouquet - Io, donna di città, ho fatto il percorso assolutamente inverso rispetto al normale e proprio qui a Pantelleria ho appagato il bisogno di avere una terra. Sono nata senza ma in quest'isola ho trovato le mie radici, la mia casa''.
La Bouquet, nominata recentemente ambasciatrice dell'immagine di Pantelleria nel mondo, sarà impegnata in autunno in una presentazione del suo passito, richiesto e venduto in tutto il mondo, a Los Angeles. ''Ho bevuto molto per tanti anni - ha aggiunto ironica l'attrice - mentre adesso che produco il vino non bevo più''.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

12 settembre 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia