Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Il Tar del Lazio annulla ancora il concorso a sei posti di procuratore aggiunto di Palermo per i procuratori aggiunti

06 settembre 2011

Il Tribunale amministrativo regionale del Lazio ha annullato per la seconda volta il concorso a sei posti di procuratore aggiunto di Palermo. E' stato così nuovamente accolto il ricorso di due dei candidati battuti, Giuseppe Fici e Ambrogio Cartosio, nei cui confronti secondo i giudici amministrativi è stata operata una "sottovalutazione", nel senso che sono stati ridotti i punteggi a loro attribuiti per i meriti, le attitudini e l'esercizio di funzioni omologhe, senza che sia stata data un'adeguata e "congrua motivazione" da parte del Csm.
Per effetto della decisione, che segue di un anno e mezzo una sentenza di contenuto analogo del Consiglio di Stato, sono annullate le nomine di sei dei sette vice di Francesco Messineo: Antonio Ingroia, Vittorio Teresi, Teresa Principato, Maurizio Scalia, Nino Gatto e Leonardo Agueci. Il Csm dovrà adesso riesaminare la questione: ma l'organo di autogoverno dei giudici farà appello e con questo dovrebbe ottenere la sospensione della decisione del Tar Lazio; diversamente Ingroia e gli altri decadrebbero dagli incarichi, perché le sentenze amministrative di primo grado sono immediatamente esecutive. C'è poi anche un altro aspetto: Cartosio è stato nominato due mesi fa procuratore aggiunto di Trapani e Fici è in corsa per andare a rivestire la carica di procuratore nella stessa città. Entrambi potrebbero così perdere interesse a insistere nella proposizione dei ricorsi. [Repubblica/Palermo]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

06 settembre 2011
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia