Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Il Teatro greco di Siracusa non luogo per concerti

Gli archeologi preoccupati per i concerti che si dovrebbero tenere questa estate a Siracusa

28 aprile 2022
Il Teatro greco di Siracusa non luogo per concerti
  • Hai un'attività che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

I concerti di Elisa, Claudio Baglioni e Gianna Nannini, in programma quest'estate al Teatro greco di Siracusa, potrebbero essere dannosi per le antichissime pietre della cavea del colle Temenite.
A dirlo all'agenzia di stampa AGI è Fabio Caruso, archeologo del Cnr che chiama in causa il presidente della Regione, Nello Musumeci.

La discussa installazione di arte contemporanea davanti al tempio di Segesta

"Se da una parte il presidente della Regione, Nello Musumeci, trova disdicevole un'installazione di arte contemporanea davanti al tempio di Segesta (nella foto), come può trovare normale che si tenga un concerto rock in una cavea del III secolo avanti Cristo?", chiede e si chiede Caruso, interpretando l'angoscia di diversi suoi colleghi di fronte all'annuncio di una successione di spettacoli pop e rock per la prima volta in totale presenza nel Teatro.

Anni fa un comitato di cittadini siracusani, guidato dall'archeologa Flavia Zisa, chiese alla Soprintendenza aretusea i dati sullo stato di salute del Teatro Greco. Non sono mai arrivati. "Non è la prima volta che si parla di aprire a questi spettacoli - dice all'AGI Zisa - e io non sono contraria in linea di massima. Il rock può anche non essere più invasivo del melodico, ma è importante avere a disposizione i dati sullo stato di conservazione del monumento, che non possiamo rischiare di perdere neanche per un battito di ali di farfalla. La soprintendenza dica se sono state fatte prove di decibel e di resistenza; esponga i parametri entro i quali il monumento può sopportare l'impatto di un determinato spettacolo. E questo vale sia per il teatro Greco che per Ortigia".

Una volta inferta una ferita a un edificio antico, arrivano "medici" e "infermieri" a curarla, ma spesso è troppo tardi per intervenire. "Mi rendo conto della suggestione legata a una scelta - spiega all'AGI Belinda Giambra, restauratrice siciliana - ma un teatro non è un posto adatto per iniziative del genere sia sul piano della conservazione del bene sia sul piano della sua identità. Ho lavorato in alcuni templi di Paestum: la pietra di quegli edifici, come scriveva Vitruvio, veniva "stagionata", con un procedimento simile al legno: sbozzata, esposta alle intemperie, conservata in modo che sviluppasse una sua porosità e poi messa lì dove andava messa, con una cura e un'attenzione da non far passare tra gli elementi lapidei neanche una cartolina. I templi del V secolo avanti Cristo sono fatti così: è questa la loro sacralità".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

28 aprile 2022
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia