Il waterfront catanese tra i più lunghi d'Europa: come valorizzarlo?

07 settembre 2011

Con i suoi cinque chilometri e più di sviluppo costiero il waterfront urbano di Catania è uno dei più lunghi d’Europa, superando persino quello celebre di Barcellona. Un’estensione talmente ampia – dal borgo di Ognina alla foce dell’Acquicella - «che manifesta diverse realtà variabili, ognuna con differenti funzioni e relazioni tra infrastrutture e residenze. Piuttosto che considerare un progetto predefinito e unificato, è auspicabile quindi intervenire sui singoli nodi cittadini che si affacciano sul mare». La proposta dell’Ordine degli Architetti della provincia di Catania – attraverso le parole del segretario della sua Fondazione Vincenzo Giusti – proprio in questi giorni si sta concretizzando in realtà progettuale grazie al workshop "Intersections" che fino a sabato 10 settembre riunisce a Palazzo Platamone illustri architetti, autorità, esperti, e giovani professionisti impegnati nello studio e analisi del waterfront etneo. Non a caso lo slogan che accompagna quest'edizione dell’iniziativa – sostenuta dal Comune di Catania e fortemente voluta dai presidenti dell’Ordine e della Fondazione, Luigi Longhitano e Carlotta Reitano – è "Attraverso la costa, 6 occasioni per fare città", dove il numero indica le aree a cui i progettisti stanno lavorando: Ognina, Nettuno, Europa, Proserpina, Armisi, Acquicella.
Dopo il tour in mare per analizzare "dal vivo" la costa di Catania – a cui domenica scorsa ha partecipato anche il sindaco Raffaele Stancanelli – e dopo aver effettuato il sopralluogo nei punti urbani, docenti e alunni del workshop hanno cominciato a stendere planimetrie e ipotesi per rispondere a una domanda fondamentale: dove e come il mare può fare città?

Lunedì, 5 settembre, attraverso un master class di carattere tecnico è stato possibile il confronto con i rappresentanti degli enti interessati al waterfront: Autorità Portuale, Metropolitana e Ferrovie dello Stato. Ieri invece, hanno avuto inizio i cosiddetti incontri "off topic" che integrano i lavori del workshop con discussioni che non seguono strettamente il tema generale: si tratta di conversazioni tra architetti, da una parte, e critici, dall’altra. Ieri sera, Beniamino Servino e Salvatore D’Agostino hanno dato vita a un "dialogo per immagini" proiettando, ciascuno in contemporanea, le proprie diapositive; mentre giovedì 8 settembre è la volta di Maria Giuseppina Grasso Cannizzo a confronto con Roberto Zancan. Venerdì 9 Roberto Collovà introdurrà i "Progetti di città" di Luigi Snozzi e Gonçalo Byrne.
Ma l’attesa è anche e soprattutto per il momento immancabile del Pecha Kucha Night - questa sera, alle 21 al Convitto Cutelli – dove ciascun progettista in 6 minuti e 40 secondi darà sfogo alla propria creatività per condividere con il pubblico in sala idee e progetti.

 

 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

07 settembre 2011

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia