In Sicilia è moria di negozi, ad eccezione di Siracusa, al top in Italia

Secondo un'analisi di Confcommercio la tendenza si inverte nelle città valorizzano i propri centri storici

21 febbraio 2020
In Sicilia è moria di negozi, ad eccezione di Siracusa, al top in Italia

[Articolo di Michele Guccione - La Sicilia ] - Negli ultimi cinque anni Confcommercio nazionale è stata impegnata in programmi di riqualificazione urbana per arginare la moria di piccoli negozi nelle città. Ma i risultati sono sconfortanti: fra tecnologie, eCommerce, crisi economica e ora anche l'epidemia di coronavirus, Mariano Bella, direttore del Centro studi di Confcommercio, registra una paurosa diminuzione di esercizi commerciali.

I dati parlano di -23.454 attività in dieci anni, -2,4%, frutto di 70mila negozi fissi in meno e 14mila ambulanti cessati, a fronte di un incremento di 49.320 bar, alberghi e ristoranti, +16,5%. La crisi colpisce soprattutto nei centri storici. Crescono anche le attività gestite da stranieri.

Centro storico di Siracusa

Ci sono le debite eccezioni dove le città valorizzano i propri centri storici. Siracusa è la campionessa italiana per dinamismo, con un aumento di negozi del 13%.

Male le altre città siciliane. Dal 2008 al 2019 Catania passa da 801 a 670 negozi in centro storico e da 3.689 a 3.119 nel resto della città; ma bar, alberghi e ristoranti crescono da 304 a 451 in centro e da 778 a 1.174 negli altri quartieri.

Centro storico di Palermo

Palermo va meglio in centro (da 1.043 a 1.257) ma perde oltre mille unità nel resto del capoluogo (da 6.018 a 4.983); quasi il 50% è rappresentato da bar, ristoranti e alberghi.

Il commercio a Messina va male su tutti i fronti: in centro si scende da 485 a 370 attività, nel resto della città da 2.380 a 2.120, ee qui l'incremento delle imprese ricettive e di ristorazione è minimo.

Ragusa, in controtendenza rispetto al valore del suo centro storico, va male proprio qui (da 597 a 450), ma cresce nella zona moderna (da 266 a 324) con aumento di bar, ristoranti e alberghi.

Anche Agrigento perde in centro (da 455 a 331 negozi), ma è stabile nella parte moderna. Caltanissetta la peggiore: da 588 a 466 in centro e da 374 a 313 nel resto della città. Enna a due velocità: debacle in centro (da 228 a 178), meglio nella zona nuova (da 93 a 100).

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

21 febbraio 2020

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE