In Sicilia una stagione di caccia più lunga e con meno vincoli per i cacciatori

Il Wwf Sicilia deluso dalla scelta di preapertura presa dalla Regione Siciliana

03 settembre 2018
In Sicilia una stagione di caccia più lunga e con meno vincoli per i cacciatori

Ieri mattina, domenica 2 settembre, è ripartita la caccia in Italia. Sedici regioni su venti hanno scelto, ognuna con le proprie modalità, la pre-apertura per alcune specie, possibile grazie a una legge del 1992: un anticipo di due-tre settimane. Tra le sedici regioni che hanno scelto la preapertura c’è anche la Sicilia.

Contro le pre-aperture della stagione di caccia il Wwf ha presentato nove ricorsi ai tribunali regionali

Contro le pre-aperture della stagione di caccia il Wwf ha presentato nove ricorsi ai tribunali regionali. Dal WWF dicono: "Erano diversi anni che non si assisteva, da parte delle Regioni, a una così generalizzata violazione delle norme che tutelano la fauna e che regolano l'attività venatoria. Deliberano di anticipare l'avvio della stagione di caccia ai primi giorni di settembre, rispetto a quanto stabilito dalla legge, ovvero la terza domenica di settembre, e prolungando così la già lunga stagione venatoria autorizzano molti giorni di caccia in più, con migliaia e migliaia di animali uccisi".

I cacciatori siciliani potranno cacciare fino al 10 febbraio 2019, 26 specie, per cinque giorni a settimana e sono autorizzati ad abbattere fino a 15 animali al giorno ed entrare anche nei terreni privati

Ennio Bonfanti, referente "fauna" WWF Sicilia e membro del Comitato regionale faunistico-venatorio dell'Assessorato Agricoltura, ha detto: "Oltre 30mila fucili hanno la legittimità da parte della Regione Siciliana di scaricare piombo mortale su 26 specie (anche rare o in declino) per cinque giorni a settimana fino al 10 febbraio 2019, autorizzati ad abbattere fino a 15 animali al giorno (sic!) ed entrare anche nei terreni privati".

Secondo i dati del WWF, i cacciatori siciliani sono continuamente in calo ma sempre "politicamente influenti".

"La Regione - continua Bonfanti - ha emanato un "Calendario venatorio" vergognoso, il peggiore dei Governi Cuffaro e Crocetta, perché abolisce limitazioni e concede ai cacciatori di sparare con meno vincoli e per una stagione più lunga. Non è stato rispettato nemmeno l'autorevole parere scientifico di ISPRA (Istituto Superiore Protezione e Ricerca Ambientale), che aveva fortemente criticato la Regione sull'eccessiva estensione di specie e periodi di caccia, chiedendo di adottare norme più rigorose per limitare l'attività venatoria e per ridurre i periodi di caccia".

Come nel resto del Paese, anche in Sicilia il numero dei cacciatori attivi è in picchiata: confrontando i dati Istat del 2007 con i dati regionali del 2015, si evince un calo di circa il 30,5% delle doppiette isolane.

"A febbraio, in un suo intervento all'Ars, il Presidente della Regione on. Nello Musumeci dichiarò: "Io sono un animalista". Allora perché - ha detto ancora Bonfanti - approva ed avalla questa "deregulation calibro 12" che per oltre 5 mesi autorizza una vera e propria strage di animali selvatici? Come fa a dichiararsi "animalista" se il Calendario venatorio siciliano consentirà ogni giorno di ammazzare "legalmente" 450mila animali (15 esemplari per ognuno dei 30mila cacciatori autorizzati), alcuni - come allodole e tordi - pesanti meno della cartuccia necessaria per abbatterli?".

Se nel 2006 i cacciatori siciliani erano 49.588 (ossia 34 ogni mille ettari di territorio cacciabile), oggi (dati Istat 2017) nell'Isola sono 30.255

Secondo i dati del WWF, i cacciatori siciliani sono continuamente in calo ma sempre "politicamente influenti".

"Come nel resto del Paese, anche in Sicilia il numero dei cacciatori attivi è in picchiata - conclude Bonfanti -: confrontando i dati Istat del 2007 con i dati regionali del 2015, si evince un calo di circa il 30,5% delle doppiette isolane. Se nel 2006 erano 49.588 (ossia 34 ogni mille ettari di territorio cacciabile), oggi (dati 2017) nell'Isola sono 30.255. Ma, pur rappresentando lo 0,6% della popolazione siciliana, continuano - inspiegabilmente - ad esercitare una certa influenza sull'apparato politico-amministrativo della Regione Siciliana, come dimostra il Calendario Venatorio sempre sbilanciato a favore delle doppiette e contro la fauna".

- WWF Sicilia

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

03 settembre 2018

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia